Bologna cinica fra le mura di casa: è 3-1 contro la Sampdoria

bologna sampdoria
Giocatori del Bologna festeggiano dopo un gol (Getty Images)

Il Bologna porta a casa 3 punti importanti per la salvezza tranquilla nella sfida con la Sampdoria di Claudio Ranieri.

Ultima domenica di Serie A prima del ritorno (per molti) in zona rossa che si apre con una sfida molto interessante fra due squadre che occupano posizioni di metà classifica, separate 4 punti l’una dall’altra. Alle 12.30 scendono in campo Bologna e Sampdoria, lo sfondo è quello dello stadio Dall’Ara, l’obiettivo quello, per entrambe, di rimanere in linea di galleggiamento, lontani dalla zona retrocessione dal momento che l’Europa sembra molto lontana.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Il Bologna, padrone di casa, ha l’occasione di interrompere la serie negativa di due partite e ridurre ad uno solo il punto di distacco dai blucerchiati, recuperando allo stesso tempo la posizione sulla Fiorentina, autrice di una prestazione autorevole al Vigorito di Benevento. Mihajlovic schiera i suoi con il consueto 4-2-3-1 con Skorupski fra i pali; linea difensiva composta da Tomyiasu, Danilo, Soumaoro, Dijks; Schouten, Svanberg in mezzo al campo; Skov Olsen, Soriano e Barrow a sostegno di Palacio.

La Sampdoria di Ranieri risponde con un solido 4-5-1 composto da Audero in porta; Bereszynski, Ferrari, Yoshida e Augello a proteggerlo; Candreva, Thorsby, Ekdal, Jankto e Damsgaard; Quagliarella davanti a fare da riferimento.

tommaso augello
Tommaso Augello (Getty Images)

Il primo tempo è divertente, caratterizzato da una Sampdoria più propositiva ma da un Bologna molto più cinico: Mihajlovic può essere soddisfatto di rientrare negli spogliatoi avendo segnato 2 gol con 2 tiri in porta. La Samp crea la prima occasione al 4′, quando colpisce il palo con Thorsby, che a tu per tu con Skorupski non sfrutta il regalo di Schouten. Al 20′ buona giocata di Quagliarella che appoggia a Damsgaard, il cui tiro dai 20 metri impegna l’ottimo Skorupski che devia oltre il palo. Al 27′ cambia tutto: a sorpresa è il Bologna a sbloccare il match grazie ad una azione personale di Palacio che dalla destra pesca Musa Barrow che colpisce di testa arretrando e battendo l’incolpevole Audero. 1-0 Bologna. Al 37′ la Sampdoria reagisce e trova il pareggio con Quagliarella, che batte splendidamente Skorupski con un tiro al volo su cross dell’attivissimo Augello. 1-1 al Dall’Ara. Neanche 5 minuti e il Bologna è di nuovo avanti: questa volta è Svanberg che sfrutta l’assist di Barrow e batte Audero con un destro di prima intenzione. 2-1 Bologna e si va negli spogliatoi.

Il secondo tempo segue le stesse linee guida, con un Bologna sempre cinico e prontissimo a sfruttare le occasioni, mentre la Sampdoria fallisce nel tentativo di trovare il pareggio, nei primi 10 minuti con Quagliarella ed Ekdal. Il tris dei rossoblu arriva al 70′, subito dopo i primi cambi, su un 3 contro 3 in transizione gestito alla perfezione da Svanberg che pesca Soriano, abile a battere Audero in uscita per il 3-1.

LEGGI ANCHE >>> Milan: buone notizie da Ibra, ma Pioli ne perde due

Da questo momento i blucerchiati si sbilanciano in avanti, decisi a non arrendersi, ma sono più i rischi che le occasioni create. Al 76′ addirittura il Bologna segna il quarto gol, annullato per la posizione di fuorigioco di partenza di Sansone. Altre girandole di sostituzioni che non cambiano l’esito della sfida. Il Bologna porta a casa 3 punti molto importanti e la soddisfazione di aver vinto una partita con grande cinismo e concentrazione, con gli attaccanti sugli scudi (gol e assist per Barrow e Svanberg). Per la Sampdoria non è ancora il momento di preoccuparsi, la prestazione c’è stata ma bisognerà lavorare.