L’Inter ora si fida del milanista Shevchenko

Shevchenko
Shevchenko (Getty Images)

L’Inter ha bisogno di un terzino sinistro per la prossima stagione: tra i nomi anche un ‘pupillo’ dell’idolo del Milan Shevchenko

Un terzino per l’Inter. La società nerazzurra ha bisogno di rinforzare soprattutto sull’out mancino nella prossima stagione. E’ quella la posizione dove Conte ha poca possibilità di scelta e poca qualità. L’adattamento di Perisic, soprattutto nella seconda parte di stagione, è andato bene ma pur sempre di adattamento si tratta. Per questo in cima alle priorità del calciomercato estivo Marotta e Ausilio hanno messo proprio l’acquisto di un esterno sinistro in grado di coprire tutta la fascia come piace al tecnico salentino.

Tanti gli obiettivi sotto osservazione: dai profili già affermati come Gosens dell’Atalanta alle occasioni come Danny Rose, passando per nomi noti come Emerson Palmieri. Tra questi spunta anche il profilo di un calciatore ancora giovane ma già molto apprezzato dall’Inter: Vitaliy Mikolenko.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Mykolenko contro Mbappe
Mykolenko e Mbappe (Getty Images)

Inter, occhi su Mykolenko: il pupillo di Shevchenko

Ventuno anni, in forza alla Dinamo Kiev, è uno dei titolari inamovibili dell’Ucraina guidata dall’ex milanista Shevchenko. Il commissario tecnico della Nazionale ha speso per lui spesso belle parole, accompagnate anche dai fatti. L’esordio a 19 anni, poi praticamente il ruolo di titolare della corsia mancina.

LEGGI ANCHE >>> L’Inter ha il nome giusto per far felice Conte

Un nome che stuzzica Marotta e Ausilio, anche se magari Conte vorrebbe un calciatore più pronto all’uso. Di certo il profilo di Mykolenko è finito già sul taccuino di diversi osservatori europei. Su di lui, spiega ‘TuttoSport’, c’è anche il Milan che potrebbe far partire l’assalto nel caso in cui dovesse andare via Theo Hernandez o valutarlo come alternativa in rosa al francese. Possibile derby di mercato quindi tra Inter e Milan: c’è Mykolenko nel mirino, la freccia che potrebbe far comodo sia a Conte che a Pioli.