Sacchi senza freni contro gli allenatori odierni

arrigo sacchi
Arrigo Sacchi (Getty Images)

Arrigo Sacchi a tutto campo sul calcio passato, presente e futuro, con focus particolare sugli attuali stipendi degli allenatori.

Arrigo Sacchi, un rivoluzionario del calcio. Il visionario che dalla fine degli anni ’80 ha creato una nuova maniera di giocare a calcio, applicata alla perfezione dal Milan degli olandesi, votata nel 2006 da France Football “migliore squadra del dopoguerra”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Una figura storica del calcio italiano e mondiale che ha affrontato a 360 gradi, nell’ambito di un’intervista rilasciata a ‘La Gazzetta dello Sport’, l’argomento calcistico. Il tecnico di Fusignano ha parlato del suo calcio così come di quello moderno, a partire dall’offerta rivoltagli dal presidente del Monza e suo talent scout Silvio Berlusconi.

Molta l’attenzione rivolta alla figura dell’allenatore di oggi, secondo Sacchi decisamente sopravvalutata. L’ex CT della nazionale italiana (fra le altre cose) ha espresso chiaramente il concetto secondo cui nella valutazione complessiva di una squadra e del suo operato l’allenatore vale molto meno dei calciatori. Proprio da questa convinzione nasce il dubbio relativo agli stipendi che gli proprio gli allenatori di questa generazione percepiscono.

milan olandesi
Alcuni membri del Milan di Sacchi (Getty Images)

Il calcio di oggi ha gradualmente perso entusiasmo

Il settantacinquenne emiliano non vede una spiegazione valida per i contratti multimilionari garantiti ai coach oggigiorno, considerato inoltre che i giocatori di oggi non sono da “formare” a differenza di un tempo. La professionalità e la preparazione dei giocatori moderni sono in parte la ragione del suo allontanamento dal mondo del calcio, ormai privato di ogni aspetto passionale.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, non Aguero: scelto il nuovo centravanti

Una chiusura è dedicata a Berlusconi e alla chiamata rivoltagli per affidargli le chiavi del Monza. Una proposta folle, comprensiva di un contratto che includeva villa e maggiordomo. Offerta comunque cordialmente rifiutata, visto il distacco totale di Sacchi dal calcio. Ultimo pensiero rivolto ad Adriano Galliani, uscito di recente dall’incubo Covid e per le cui condizioni Arrigo Sacchi si è dichiarato molto preoccupato.