Moggi fa infuriare Inter e Juve con una frase

giraudo moggi capello
Luciano Moggi, Antonio Giraudo e Fabio Capello (Getty Images)

Luciano Moggi si esprime sull’attuale situazione della Juventus, paragonandola agli avversari di tante battaglie.

Luciano Moggi è una figura mitologica, leggendaria nel panorama calcistico italiano. Il suo nome è accompagnato da ogni tipo di sentimento, dai più gioiosi e nobili a quelli invece rancorosi e rabbiosi; il tutto a seconda della fede del tifoso con cui stai parlando.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Se è vero infatti che Moggi è stato ed è uno dei dirigenti sportivi più vincenti della storia italiana, grazie ai successi ottenuti a Napoli (uno scudetto e una Coppa Uefa conquistati durante la presidenza Ferlaino) e soprattutto quelli ottenuti a Torino, sponda Juventus (5 scudetti, una Champions League, una Supercoppa Europea ed una Coppa Intercontinentale), è altrettanto vero che il suo lavoro è macchiato indelebilmente dallo scandalo Calciopoli, la vicenda nata dalla pubblicazione di intercettazioni telefoniche fra lo stesso Moggi e figure di rilievo del sistema calcistico, dai dirigenti federali fino ai giornalisti. 

L’ex dirigente è tornato a farsi sentire attraverso Twitch

andrea agnelli
Andrea Agnelli, presidente della Juventus (Getty Images)

Luciano Moggi ha parlato in diretta su Twitch sul canale ‘Juventibus’, esprimendosi in merito alla situazione odierna della sua ultima squadra, quella con cui ha ottenuto i maggiori successi, la Juventus che sta affrontando dopo un decennio un momento di crisi. Le dichiarazioni sono state forti, senza peli sulla lingua ed in grado di colpire un bersaglio doppio: la “sua” Juventus e, allo stesso tempo, gli acerrimi rivali dell’Inter.

LEGGI ANCHE >>> Il Milan punta un calciatore del Napoli: l’agente svela tutta la verità

Negli ultimi tempi la società non sta dimostrando forza. Diciamolo chiaramente: siamo diventati l’Inter di Moratti. La dirigenza avrebbe dovuto tenere Allegri in panchina e non cambiare, non dare ascolto agli spifferi, alle voci provenienti dai tifosi. Penso che la Juventus proseguirà con Pirlo e sono fiducioso sul raggiungimento della zona Champions. Se domani andasse male, non farei nulla. Altrimenti si sbaglia due volte. C’è un progetto e bisogna portarlo avanti. Pirlo è una scommessa ma non ha molte colpe”. Moggi si è poi soffermato sulla differenza tra l’avere a disposizione giocatori importanti ed una squadra, oltre a ribadire l’importanza per la società di procedere, sebbene con cautela, nel rimpiazzare gli anziani con i giovani.