L’Inter si deve rassegnare: se lo tengono stretto

Antonio Conte
Conte (Getty Images)

L’Inter ha puntato gli occhi su un calciatore ma Marotta deve rassegnarsi all’idea: la società non ha intenzione di cederlo

Profumo di Scudetto per l’Inter. Il successo nel recupero contro il Sassuolo, decima vittoria consecutiva, fa volare la squadra di Conte a +11 in classifica con nove gare soltanto da disputare. Un bottino importante e tranquillizzante per i nerazzurri che vedono ormai vicino il traguardo. Tornare al tricolore dopo 11 anni di assenza significherebbe centrare l’obiettivo prefissato ad inizio stagione e poter programmare il prossimo anno.

L’idea è quella di rinforzare ulteriormente la rosa per poter ben figurare finalmente anche in Champions League. Molto dipenderà da come andrà a finire la vicenda societaria: è dalle mosse di Suning che dipenderanno le strategie di Marotta e Ausilio sul mercato. Di nomi non mancano ed molti riguardano l’attacco: serve un calciatore in grado di sostituire Lukaku e magari giocargli anche al fianco e uno degli obiettivi è Luis Muriel.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Luis Muriel esulta
Muriel (Getty Images)

Inter, l’Atalanta si tiene Muriel: “Nulla di concreto”

Un’idea che deve fare i conti però con le resistenze dell’Atalanta. Ancora in corsa per un piazzamento Champions e con l’obiettivo di essere ancora più competitiva nella prossima stagione, la società bergamasca non ha intenzione di smobilitare e cedere i propri gioielli.

LEGGI ANCHE >>> Lo sconto che intriga Inter e Milan: il derby infiamma il calciomercato

Del resto di voci in questo senso se ne registrano tante: da Gosens a Pessina, passando per Zapata e Muriel appunto. Proprio sull’ex Fiorentina si concentra Luca Percassi, amministratore delegato della Dea. Intervenuto a ‘Bergamo Tv’, il dirigente dei bergamaschi chiude le porte alla cessione.

Muriel è un talento straordinario – le sue parole – e vive un momento di grande maturità. Ce lo teniamo stretto”. Un concetto che vale anche per gli altri big della rosa: “Per il mercato non c’è niente di concreto e reale, al momento, se non quello che abbiamo in testa: essere più competitivi il prossimo anno”.