Tra qualche giorno la Champions potrebbe sparire

Champions
Champions (Getty Images)

Il piano di Leonard Blavatnik, magnate ucraino proprietario di DAZN, per ‘cancellare’ la Champions e lanciare la Superlega

La Uefa è pronto a presentare la nuova Champions League, ma il piano di Ceferin potrebbe incredibilmente essere cancellato dai fatti. Quelli che vedono Leonard Blavatnik, magnate ucraino e patron di DAZN, tessera la tela della Superlega. Non un’idea campata in aria ma un progetto dettagliato e preciso che addirittura potrebbe essere presentato – si legge sul ‘Corriere dello Sport’ – nel giro di qualche giorno. A dimostrarlo ci sono i contatti frequenti che si sono intensificati negli ultimi giorni.

Approcci con sponsor, fondi, ma soprattutto con le società che dovrebbero dar vita a questa lega privata, modello NBA. Un campionato a parte, senza retrocessioni e promozioni, un torneo a cui accederebbero soltanto le big del panorama calcistico europeo. Un piano ovviamente osteggiato dalla Uefa, ma anche dalle Federazioni, ma che alletta – con la sua vagonata di milioni di euro che garantirebbe – le società coinvolte.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

DAZN vuole la Superlega: 16 club e niente Champions

Il piano del patron di DAZN è creare un campionato a parte, da giocare durante la settimana, nei giorni normalmente destinati alla Champions. Il principale torneo europeo sarebbe quindi cancellato o comunque perderebbe tutte le big. Sedici sono le squadre che sarebbero coinvolte nel progetto di Blavatnik, tutte provenienti dai principali campionati europei: da 4 a 6 club dalla Premier, 3 o 4 da Germania, Italia e Spagna.  Un piano a cui non aderirebbero i club francesi.

LEGGI ANCHE >>> Il nuovo ‘spavento’ di DAZN agli abbonati

Per l’Italia la certezza del posto ci sarebbe per Inter, Juventus e Milan, per l’eventuale quarto posto la favorita è la Roma. In questo senso si leggerebbero anche le mosse delle tre grandi in tema dei diritti tv con l’appoggio a DAZN e il no ai fondi con la clausola che prevedeva il rimborso di una parte dei 1,7 miliardi in caso di Superlega.