Gasp batte la Juve e gongola: “Ecco come l’abbiamo vinta”

Gasperini
Gian Piero Gasperini (Getty Images)
Gasperini: “Ora sappiamo che possiamo battere la Juventus, ma la Coppa Italia sarà un’altra cosa. Per la Champions lotta durissima”
Non nasconde la sua soddisfazione Gian Piero Gasperini, presentandosi ai microfoni di ‘Sky Sport’ dopo il successo della sua Atalanta contro la Juventus, che in campionato mancava addirittura da 20 anni.
“Devo fare i complimenti ai ragazzi perché abbiamo battuto una squadra forte. Aver vinto a fatica, ma tutto sommato con merito, ci dà grande orgoglio e grande forza“.
Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!
Festeggiamenti Atalanta
I festeggiamenti dell’Atalanta (Getty Images)

Gasperini: “Ora sappiamo che possiamo battere la Juve”

L’analisi del match: “Cercavamo compattezza, perché se lasci spazi alla Juve è dura, ha tutta gente di gamba, dovevamo essere bravi nella fase difensiva per poi cercare di vincere la partita. Oggi siamo stati equilibrati, abbiamo anche avuto qualche occasione in più di loro”
Decisivo il subentrato Malinovskyi “È fondamentale per tutte le squadre pescare dalla panchina, con i cinque cambi poi questa cosa si è amplificata. Soprattutto in partite equilibrate come questa decidono gli episodi”.
Traguardo Champions più vicino? “È ancora presto, sette partite sono tante. Di sicuro questa è una vittoria che dà ulteriore spinta. Il traguardo è difficile da raggiungere, ci sono tante squadre in lotta e nessuna molla“.

Sui tanti sistemi di gioco utilizzati e i tanti gol: “È stata un’evoluzione, una crescita, ringrazio i giocatori per la loro disponibilità, anche quelli che non riesco a impiegare. È un processo che abbiamo avuto nel tempo, a volte giochiamo con lo stesso modulo, ma con giocatori diversi, più offensivi o più difensivi”.

“L’anno scorso – prosegue Gasperini – abbiamo segnato 99 gol in campionato con Ilicic e Gomez di punta e Pasalic alle loro spalle. Quest’anno abbiamo fatto fatica in alcune partite, non riuscivamo a sbloccarle. Il cambio è nato da lì. Ovviamente tenendo conto del fatto che in attacco ho tante soluzioni”.

Pronto a riportare un trofeo a Bergamo dopo decenni? La finale di Coppa Italia sarà proprio contro la Juventus: “La Coppa Italia sarà un’altra cosa, ma aver vinto oggi vuol dire che possiamo battere la Juve e che loro possono perdere con noi”.