“Anche Napoli e Roma in Superlega”: Florentino svela tutto

Florentino Perez
Florentino Perez (Getty Images)

Florentino Perez svela i dettagli della Superlega: “Sarà una competizione aperta, anche Napoli e Roma potranno entrarci”.

Florentino Perez spiega la sua creatura, la Superlega. In una lunga e attesissima intervista al ‘Chiringuito de Jugones’, il presidente del Real Madrid e della nuova competizione spiega le ragioni del ‘golpe’ e ne svela nuovi dettagli.

Ragioni: “I top club dovevano dare una soluzione alla crisi del calcio. L’ECA parla di 5000 milioni persi, posso dire che il Real, da solo, ne ha persi 400 in un anno. Visto che la tv è l’unica a generare introiti, bisogna creare partite attraenti, ce ne sono troppe di scarso interesse. Il calcio deve evolversi, siamo tutti rovinati e i giovani dai 16 ai 24 anni non ci seguono più. Ci sono troppe partite di scarso interesse. Negli anni ’50 Bernabeu spinse per la creazione della Coppa dei Campioni, e anche lui fu osteggiato”.

Guadagno: “Ditemi cosa ci guadagnano ora, i piccoli, con la Champions. Non è vero che non potrebbero più avere accesso alla competizione, che non è chiusa. I 15 che generano valore economico restano fissi, ma cinque ogni anno entreranno per merito sportivo. Distribuiremo circa 400 milioni di euro agli altri club, crediamo nel meccanismo di solidarietà”.

Date: “La faremo partire il prima posibile e vogliamo parlare con UEFA e FIFA. Oggi hanno presentato il nuovo formato della Champions, che non lo capisce nessuno e non produrrà gli introiti necessari per salvare il calcio. Tra l’altro, partirebbe nel 2024: saremmo già morti La UEFA, all’epoca, si oppose anche alla Coppa Campioni…”.

LEGGI ANCHE >>> Inter, obiettivo scudetto poi il piano mercato in chiave Superlega

ceferin
Ceferin (Getty Images)

Florentino Perez: “Ceferin non può insultare Agnelli”

UEFA: “È un monopolio, dovrebbe avere più trasparenza. E le minacce ai giocatori non avranno seguito, né quelle di espellerci dall’attuale Champions. Il calcio sta per rovinarsi, e se si rovinano i grandi, crollano tutti. È una piramide”.

Posti: “PSG, Bayern e Borussia, per ora, non sono state invitate. Vedremo. La meritocrazia non può esistere per 50 squadre, ma ci sarà posto anche per altri club. Potranno entrare anche Napoli, Roma, e se non lo faranno un anno, sarà il successivo. Quello che dà soldi sono i 15 fissi, le altre ruoteranno. Ma i benefici saranno per tutti”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Agnelli: “Gli insulti di Ceferin sono impresentabili, inaccettabili. La UEFA dovrebbe essere diversa, non dovrebbe insultare il presidente di un grande club. Con gli introiti di questa Champions, siamo morti. Abbiamo ogni anno meno pubblico e meno soldi. Col nostro sistema salviamo tutti, non solo i ricchi”.

Stipendi: “Nella Superlega solo il 55% del fatturato sarà impiegabile per gli stipendi dei calciatori. Voglio trasparenza, nella NBA si sa tutto, gli stipendi sono pubblici. Vogliamo farlo anche noi”.

Competizioni: “Si potrebbe anche organizzare una seconda divisione della Superlega, per esempio”.

Mbappé: “A volte cammino solo per strada con la mascherina, penso di non essere riconosciuto e invece mi gridano sempre: ‘Presidente, prendi Mbappé!’. Rispondo sempre: ‘Tranquillo’. Il francese è fortissimo, non posso negarlo”.