“Si è dimesso”: c’è la prima vittima della Superlega

tifosi protestano
Due tifosi inglesi protestano contro la Superlega (Getty Images)

La notizia importante arriva direttamente dall’Inghilterra, dove un importante dirigente ha deciso di fare un passo indietro.

Continuano ad arrivare notizie a raffica dall’Inghilterra. La Superlega ha di fatto scosso gli animi di tutto il mondo calcistico d’oltremanica, e i club ne sono consapevoli. In particolare, ovviamente, quelli che fanno parte del progetto annunciato in questi giorni. E cosi, soprattutto i club di Premier pare siano pronti ad un movimento unitario per venire fuori dalla Superlega.

Dal Liverpool al Chelsea, passando per le squadre di Manchester, tutti con l’intento di ascoltare i tifosi, una voce unanime nel chiedere al club di non prendere parte al progetto Superlega. E cosi pare proprio che molti siano pronti a fare un passo indietro.

Dall’Inghilterra arrivano notizie, tramite la BBC, secondo le quali il Chelsea avrebbe già preparato i documenti per lasciare la Superlega. A ruota, secondo altro organi di informazione britannici, sarebbero pronti a seguire altri club. Ed intanto saltano le prime teste.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Edward Gareth Woodward
Edward Gareth Woodward (GettyImages)

Manchester United, si è dimesso il vice presidente

E cosi da Manchester arrivano notizie riguardo le dimissioni di uno dei dirigenti del Manchester United. Secondo quanto riportato dal giornalista di ESPN Mark Ogden, Edward Gareth Woodward, vicepresidente esecutivo del Manchester United, si è dimesso dal suo incarico.

LEGGI ANCHE >>> Altro che quarta squadra italiana: la Roma critica la Superlega

Una notizia arrivata ovviamente ad alimentare un clima di grande fermento, soprattutto nel calcio inglese. La sua uscita dal club, va detto, era in programma già per l’estate, ma è stata proprio la questione Superlega ad accelerare il processo di uscita.

Una prima vittima, dunque, della neo nata competizione europea, c’è stata in Inghilterra. Ma non è da escludere che nelle prossime ore anche altri dirigenti possano prendere le distanze e dunque lasciare i propri club di appartenenza.