Inter, la pedina con cui Marotta può vincere il derby di mercato

Inter Svanberg Milan Nainggolan
Marotta (GettyImages)

L’Inter punta Svanberg del Bologna e valuta uno scambio con Nainggolan in caso di retrocessione del Cagliari: sullo svedese pure il Milan

L’Inter al “95%” è ormai certa dello scudetto. Lo ha riconosciuto Antonio Conte dopo la vittoria di ieri pomeriggio contro l’Hellas Verona certificata dal gol di Matteo Darmian. Il tecnico al termine del campionato si riunirà con Zhang e Marotta per comprendere anche quelli che saranno gli obiettivi e i progetti della società in vista del prossimo futuro. Tuttavia con i problemi di bilancio, il calciomercato dell’Inter potrebbe essere molto legato all’idee. Pertanto si cercherà di approfittare anche degli esuberi per contenere le uscite. Una pedina di scambio potrebbe essere Radja Nainggolan. Il centrocampista in questa stagione è stato ceduto in prestito al Cagliari, città con cui ha un rapporto speciale. Il suo futuro in Sardegna passa però anche dalla salvezza della squadra di Leonardo Semplici. In questo caso, il “Ninja” potrebbe trasferirsi a titolo definitivo nel club che gli ha aperto le porte della gloria. L’Inter, se così non fosse, potrebbe usare il belga come pedina di scambio per arrivare a un altro centrocampista presente in serie A e che fa gola.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Inter Svanberg Milan Nainggolan
Svanberg (GettyImages)

Inter, Nainggolan moneta di scambio per scippare Svanberg al Bologna: c’è la concorrenza del Milan

Come riferisce “interlive.it”, Nainggolan potrebbe essere utilizzato come pedina di scambio per prendere Mattias Svanberg, svedese classe 1999 del Bologna. Il mediano piace tanto all’Inter ma su di lui ha messo gli occhi pure il Milan. In estate si profila dunque un duello di mercato tra le due milanesi per prendere il giovane calciatore felsineo, già 7 presenze e un gol con la maglia della nazionale maggiore del suo paese.
Nainggolan potrebbe essere la moneta di scambio giusta per ingolosire Walter Sabatini, grande estimatore del calciatore belga. L’attuale direttore sportivo del Bologna lo portò alla Roma a gennaio 2014, negli anni migliori del “Ninja”.

LEGGI ANCHE >>> L’Inter si fionda in Brasile: “Servono 20 milioni”

Svanberg è giunto nel campionato italiano nel 2018. Il Bologna lo prelevò dal Malmo. L’adattamento alla serie A è stato piuttosto semplice per lo svedese che ha totalizzato 24 presenze nella prima stagione e 27 nella seconda. Quest’anno però è definitivamente sbocciato. Non solo ha trovato maggiore continuità ma ha anche firmato 5 gol e 2 assist in 31 partite fino a questo momento.