Il dubbio che il Milan spera di non avere

Maldini, Gazidis e Massara
Maldini, Gazidis e Massara (Getty Images)

Il crollo del Milan mina le certezze anche per la prossima stagione: su Pioli aleggiano i primi dubbi e la società riflette sul futuro

Pioli non è a rischio: da Casa Milan è partito il messaggio per far restare la squadra concentrata sul campo. Non è tempo di pensare al futuro, la qualificazione in Champions League è pericolosamente in bilico e mancarla significherebbe fallire l’obiettivo stagionale. Un’eventualità che dalle parti di Milanello devono iniziare a prendere in considerazione perché il crollo di risultati nella seconda metà di stagione è sotto gli occhi di tutti. Dal primo posto con otto punti di vantaggio dalla quinta al quinto con un distacco di tredici punti dalla capolista Inter, una discesa verticale che deve ora essere frenata.

Il Milan ha cinque partite per riprendersi la Champions e archiviare questa come una stagione buona. Senza si potrà parlare anche di fallimento perché ad inizio anno i rossoneri avevano fissato entrare tra i primi quattro come obiettivo. Ma cosa succederebbe in questo caso?

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Pioli
Pioli (Getty Images)

Milan, senza Champions Pioli rischia

La società non ne parla e si mostra compatta su Pioli, ma inevitabilmente una mancata qualificazione in Champions aprirebbe le discussioni sull’allenatore. Con un problema non di poco conto: trovare l’eventuale sostituto. Di allenatori bravi liberi o liberabili ci sono, ma le altre squadre si sono già mosse.

LEGGI ANCHE >>> L’erede designato di Donnarumma lancia un messaggio al Milan

Lo ha fatto la Roma con Sarri, lo sta facendo il Napoli con Spalletti, mentre per Allegri c’è l’idea del ritorno alla Juventus. Chi sulla panchina del Milan? Un interrogativo che la società rossonera non vuole porsi per almeno un mese, sperando di non avere più dubbi su Pioli da qui a tre settimane. Significherebbe Champions conquistata e conferma del tecnico.