Inter, messaggio speciale di Lukaku a Conte: tutto è iniziato così

Lukaku marcato
Lukaku (Getty Images)

L’attaccante dell’Inter Lukaku ha affrontato diversi temi nell’intervista del “Corriere della Sera”: con Conte il feeling è nato subito

All’Inter la festa non è ancora terminata. Clima disteso ad Appiano Gentile, dove i nerazzurri si stanno ancora godendo la vittoria dello scudetto arrivato con quattro giornata d’anticipo. La formazione di Antonio Conte pensa già al futuro e l’austerity richiesto da Zhang potrebbe non scalfire la volontà dei calciatori di aprire un ciclo vincente. Romelu Lukaku, grande protagonista del ritorno al successo con i suoi gol, è stato tra i primi ad aprire alla sua permanenza. L’attaccante belga è stato intervistato dal “Corriere della Sera”.
Conte mi ha convinto subito perché è l’allenatore più forte. La prima cosa che ho fatto quando ho firmato per l’Inter è stato inviargli un messaggio. Gli ho scritto: ‘arrivo’. Giocare in serie A con i nerazzurri per me è un sogno che si è realizzato. Ne parlavo a Manchester con Darmian, al quale dicevo ‘Andrò all’Inter, vedrai. Parlami in italiano, io ti risponderò in inglese. Questo mi ha aiutato perché quando sono arrivato conoscevo la lingua abbastanza bene”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Lukaku gira di testa sugli sviluppi di un calcio piazzato
Lukaku (Getty Images)

Inter, Lukaku vuole aprire un ciclo: “Con Conte siamo cresciuti, ora meglio in Champions e vincere ancora”

L’attaccante ha poi svelato l’origine del successo: “Io e Conte abbiamo vissuto il secondo posto in campionato e quello in Europa League della scorsa stagione come una sconfitta. Ne abbiamo approfittato per trasformarla in motivazione. Ora possiamo vincere ancora e iniziare un nuovo ciclo. Non penso che l’allenatore vada via. Si trova bene e ha una squadra che lo segue”.

Lukaku, con la sua straordinaria umiltà, non si sente l’indiscusso timoniere della vittoria: “Il titolo è dell’Inter, dei tifosi e della squadra, non mio. Non mi sento un top player ma mi metto a disposizione dell’allenatore. Abbiamo compiuto tutti un grande salto di qualità e speriamo di poter continuare a crescere aggiungendo altri trofei in bacheca”.

Poi sulla lite con Ibrahimovic: “Perdevamo 1-0, avevo sprecato una buona occasione e in quel momento ero arrabbiato. Le sue parole mi hanno ferito, sono dispiaciuto per aver reagito in quel modo. Ibrahimovic è un grande calciatore, con lui fino al Manchester United ho avuto un buon rapporto. Di calciatori come lui c’è grande bisogno in serie A“.

LEGGI ANCHE >>> Roma, Fonseca nei guai fino alla fine tra infortuni e polemiche

Infine sulla Champions: “Avremmo dovuto superare quel gruppo. Il Real è forte ma noi siamo superiori alle altre due avversarie. Una volta raggiunti gli ottavi di finale sarebbe potuto accadere di tutto. L’anno prossimo dobbiamo fare meglio”.