Inter, Conte: “Ciclo finito? Vi svelo la verità”

Antonio Conte applaude
Antonio Conte (Getty Images)

L’Inter di Antonio Conte prosegue la marcia inarrestabile. I ragazzi di Antonio Conte battono anche la Sampdoria di Claudio Ranieri.

Antonio Conte è intervenuto ai microfoni di ‘Sky Sport’. Nel post gara del match contro la Sampdoria di Claudio Ranieri, il tecnico dell’Inter ha rilasciato alcune dichiarazioni: “Abbiamo fatto qualcosa di veramente bello negli ultimi due anni. In passato non l’ho fatto, ma questa volta voglio veramente godermi il successo. Poi Dio vede e provvede. Il mio è stato un lavoro che ha dato un grande profitto sotto tanti punti di vista. Penso che la rosa sia cresciuta sul campo ed a livello economico e di mercato. Oggi questo gruppo ha un valore nettamente superiore rispetto a quando sono arrivato”.

antonio conte di spalle
Antonio Conte (Getty Images)

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Inter, parla Conte

Poi prosegue: “L’investimento su di me ha dato i frutti. Le aspettative sono state soddisfatte, è inevitabile che questo gruppo ha calciatori giovani con margini alti. Non abbiamo mollato una virgola, niente. Questa è una mentalità giusta, la vittoria ti deve entrare nel cervello. Mi aspetto di fare sempre ottime prestazioni. L’unica partita più importante per noi è quella con la Roma. Cerchiamo di affrontare le prossime gare cercando di ottenere sempre il massimo. Il mio merito principale? Non ho mollato di una virgola, mi sono superato in questi due anni all’Inter. La squadra ha sempre remato nella giusta direzione, anche l’anno scorso”.

LEGGI ANCHE >>> L’Inter festeggia lo Scudetto con un pokerissimo alla Samp

“Chi è il giocatore che è migliorato di più? Ho nominato proprio Pinamonti. Ha lavorato tutto l’anno con noi, è cresciuto tanto. Sa che avere davanti Lukaku, Lautaro e Sanchez non è semplice. Oggi è un giocatore molto più completo, è una prima punta, tiene palla ed attacca lo spazio. E’ un ottimo prospetto, non direi una bugia se penso che farà parlare di sé in futuro. Nei due anni all’Inter ho messo tutto me stesso, è stata una impresa difficile per tantissimi motivi. Fine di un ciclo? Percorso chiuso? Non sto dicendo questo, ho solo risposto alle vostre domande. Non tirate fuori cose che non ci sono. Non conoscevo l’ambiente Inter, ci sono entrato ed aver vinto mi dà tanta soddisfazione. Non è una cosa per tutti”.