Shevchenko e il ‘suggerimento’ al Milan per l’attacco

Andriy Shevchenko in panchina
Andriy Shevchenko (Getty Images)

Andriy Shevchenko presenta il suo libro e commenta: “In Italia c’è un giocatore che mi assomiglia: Andrea Belotti”

In collegamento con ‘Sky Sport’ per presentare la sua autobiografia, intitolata ‘Forza gentile’ e scritta con Alessandro Alciato, Andriy Shevchenko ha parlato di alcuni aneddoti legati al suo passato, al Milan ma non solo.

Ad esempio, Sheva ha ricordato il suo maestro Valeriy Lobanovskyi: “La Dinamo Kiev era forte e crescere in quell’ambiente con un grande allenatore mi ha aiutato tantissimo. Sia dal punto di vista tattico che mentale”.

Quando gli ucraini affrontarono il Milan in Champions, i dirigenti milanisti avevano già appuntato il suo nome sul taccuino: “Però quella partita non la giocai affatto bene. Pensavo che dopo quel match il Milan non volesse più prendermi, invece Braida mi ha dato fiducia e il resto è storia”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Andrea Belotti prima del fischio d'inizio
Andrea Belotti (Getty Images)

Shevchenko: “Un giocatore che mi somiglia? Belotti”

Una storia fatta anche di due finali Champions finite ai rigori, con Shevchenko decisivo dal dischetto in entrambe le occasioni. Segnando alla Juve a Manchester consegnò infatti la coppa al Milan: “Non vedevo l’ora di battere il rigore. Ancelotti voleva che tirassi il primo ma io volevo battere l’ultimo”.

Il secondo penalty, invece, è quello fallito contro il Liverpool, che a Istanbul si aggiudicò la Champions dopo una rimonta pazzesca: “Eravamo più nervosi. Ho visto Dudek partire a destra e ho cambiato l’angolo. Mi ha pesato quella sconfitta. Non ho dormito per un paio di mesi“.

LEGGI ANCHE>>> Il bomber cambia agente: duello di mercato tra Milan e Juve

In chiusura, l’attuale ct della nazionale ucraina ha lanciato anche un suggerimento indiretto al suo Milan. Facendo un paragone sugli attaccanti che gli somigliano di più, Sheva ha detto sicuro: “In Italia c’è Belotti”.

Parole che probabilmente faranno felice il Gallo, ma che faranno riflettere anche gli uomini mercato rossoneri, vigili da tempo sul capitano del Torino.