Paratici chiaro: dal piano b allenatore, al saluto a Buffon

Paratici della Juventus con la mascherina
Fabio Paratici, Juventus (Getty Images)

Il dirigente Fabio Paratici ha parlato del momento della Juventus e dell’addio di Buffon alla squadra a fine stagione.

Fabio Paratici, dirigente della Juventus, ai microfoni di ‘DAZN’ è intervenuto in occasione della gara di campionato contro il Sassuolo. Il momento della Juventus è complicato e tutta l’attenzione è rivolta alla conquista di un posto in Champions League: “Siamo ancora in piedi e in corsa. Ci giochiamo tutte le nostre possibilità, a un piano B penseremo quando sarà il momento”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Paratici e l’addio di Buffon alla Juventus

Paratici parla prima di Sassuolo-Juventus
Fabio Paratici, Juventus (Getty Images)

L’uomo simbolo del calciomercato bianconero ha poi commentato le indiscrezioni del momento, come l’interesse nei riguardi di Locatelli: “Si tratta di un bravo giocatore, ma non è ancora tempo di affari. La priorità è pensare partita dopo partita”.

LEGGI ANCHE >>> DIRETTA Sassuolo-Juventus: segui la partita LIVE

Attenzione poi all’addio di Buffon. Il portiere ha confermato che questa è stata la sua ultima stagione con la Juventus, ma potrebbe continuare a giocare: “Prima o poi avrebbe dovuto dirlo all’esterno. A noi lo aveva comunicato già alcuni mesi fa. Al di là di ringraziarlo come club vorrei ringraziarlo personalmente. È una persona e un giocatore speciale, ci ha dato tantissimo a livello umano. Con lui ho guadagnato un amico che mi ha insegnato moltissimo e questo ci tengo a dirlo. Dai veri campioni possiamo imparare anche noi e io ho cercato di rubare il più possibile. Gigi è un’icona per lo sport italiano come lo sono Valentino Rossi e altri eroi quale Galtrinieri che oggi ha vinto un oro. Gente che porta il nome dell’Italia in giro per il mondo in modo onorevole e meraviglioso”.