Borussia Dortmund, la Coppa di Germania finisce in (emozionanti) lacrime

Festa Borussia Dortmund
Lukas Piszczek (Getty Images)

Il Borussia Dortmund ha vinto la Coppa di Germania, ma la festa ha avuto un momento di forte commozione.

Una vittoria che i tifosi auspicavano, soprattutto in una sfida importante contro una rivale agguerrita come il Lipsia. Alla fine il Borussia Dortmund ci è riuscito, ed ha portato a casa la Coppa di Germania, battendo proprio i ragazzi di Julian Nagelsmann. Un successo che, manco a dirlo, è targato con la firma del solito Erling Haaland, ancora l’uomo del momento, in Germania ma soprattutto sul mercato internazionale. Sono tante, infatti, le squadre che vorrebbero mettere le mani sull’attaccante norvegese che contro il Lipsia si è messo in mostra con una classica doppietta, che è andata a sommarsi a quella di Sancho.

Un duo esplosivo, che ha ovviamente lanciato il Borussia verso la vittoria della Coppa. Una finale che, però, è finita letteralmente in lacrime. No, niente di pericoloso o negativo. Si tratta, infatti, di lacrime di grande malinconia ed un pizzico di gioia, ovviamente, per il trofeo conquistato.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Festa Borussia Dortmund
Lukas Piszczek (Getty Images)

Borussia Dortmund, la vittoria finisce il lacrime

Un pianto malinconico, che i giocatori hanno accompagnato con la festa per la vittoria del titolo. Protagonista è stato Lukas Piszczek, storico giocatore giallonero che al termine del match si è lasciato andare ad una scena di grande commozione.

LEGGI ANCHE >>> Milan, il centrocampista del futuro gioca in Belgio: Maldini in allerta

Il motivo? Il calciatore polacco, dopo anni di onorata carriera, lascerà il Borussia Dortmund ed il calcio professionistico alla veneranda età di 35 anni (saranno 36 a giugno). Cosi i giocatori hanno deciso di portare in trionfo il giocatore giallonero che è finito in lacrime. Una scena molto toccante, soprattutto per un giocatore che ha dato tanto alla causa giallonera.

E cosi il Borussia Dortmund saluta uno dei suoi giocatori più rappresentativi, in attesa di capire se potrà contare a stretto giro sui giovani campioni ancora in rosa (Haaland su tutti).