Ma è già successo? Juventus e Napoli rivivono un film già visto

Andrea Pirlo
Pirlo (Getty Images)

Penultima giornata di campionato decisiva per la corsa Champions e per Juventus e Napoli c’è un incrocio particolare

Atalanta e Milan verso la Champions, Napoli e Juventus a contendersi l’ultimo posto con lo spauracchio della Lazio alle spalle. A due giornate dalla fine del campionato la corsa per il piazzamento tra le prime quattro è più viva che mai. Gasperini e Pioli sono a tre punti dall’obiettivo, mentre Gattuso dovrà vincerne due per avere la certezza di ottenere la qualificazione. Dipende dai risultati delle altre invece la Juventus che sabato sera affronterà l’Inter, cercando i tre punti che terrebbero viva la speranza.

Poi tutti sul divano per guardare cosa fa il Napoli a Firenze contro la Fiorentina. Un doppio intreccio che fa tornare indietro nel tempo e fa sorgere una domanda: ma è già successo?

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Pjanic a contrasto con Rafinha
Pjanic e Rafinhan nel 2018 (Getty Images

Juventus-Inter e Fiorentina-Napoli come nel 2018

Juventus-Inter e Fiorentina-Napoli: il 2021 come il 2018. Oggi in palio c’è la Champions, tre anni fa lo scudetto. Il Napoli questa volta si presenta con un punto di vantaggio, mentre allora era a caccia dei bianconeri. In quell’occasione il sabato sera la squadra di Allegri riuscì a vincere a San Siro nella gara caratterizzata dalla mancata espulsione di Pjanic, dando una spallata ai sogni tricolori degli azzurri. I partenopei, infatti, il giorno dopo crollarono a Firenze: la famosa partita persa in albergo come disse Sarri.

LEGGI ANCHE >>> Buffon saluta la Juventus: “C’è una proposta che mi piace tanto”

L’incrocio ora si ripropone con i nerazzurri già campioni d’Italia e alle prese con le turbolenze dovute alle vicende societarie e la Fiorentina ormai salva. Juventus e Napoli, invece, devono ancora conquistare il loro obiettivo. Soltanto una, salvo sorprese, sarà in Champions e ancora una volta a decidere sarà l’incrocio con Inter e Fiorentina. Come nel 2018, magari con meno veleni.