Vidal lontano dall’Inter, cessione vicina: via libera gratis

Arturo Vidal
Vidal (Getty Images)

Cessione in vista per Vidal, tra i più deludenti quest’anno all’Inter. L’Olympique Marsiglia pronto ad abbracciarlo

Da possibile perno del centrocampo a delusione dell’anno. Tra le poche note storte della stagione dell’Inter rientra Arturo Vidal: il cileno preso dal Barcellona, fortemente voluto da Antonio Conte in estate per rinforzare la mediana, ha deluso sotto tutti i punti di vista ed il suo contributo alla conquista dello scudetto è stato nullo. Solo un gol segnato in campionato (contro la sua ex squadra, la Juventus) e due assist forniti ai compagni. Troppo poco per un giocatore arrivato con ben altre aspettative. E ora, per lui, si potrebbero aprire le porte per una cessione.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Vidal in panchina
Vidal Lautaro (Getty Images)

Vidal verso la cessione, l’Olympique Marsiglia ci crede

Stando a quanto riportato da France Football, a lui è molto interessato l’Olympique Marsiglia allenato dall’ex commissario tecnico della nazionale cilena Jorge Sampaoli. I due, racconta il giornale francese, si sarebbero già confrontati per verificare la fattibilità del trasferimento. L’Inter, in difficoltà economica e obbligata a cedere qualche elemento di spessore, di certo non si opporrebbe: l’idea, infatti, è quella di lasciar partire Vidal gratis in modo tale da risparmiare sull’ingaggio (6.5 milioni netti all’anno).

LEGGI ANCHE >>> Terremoto Inter: i big hanno fatto la valigia e sono pronti a scappare

Se ne riparlerà a fine campionato. Intanto il centrocampista si sta godendo lo scudetto conquistato con i nerazzurri. “Abbiamo lasciato il Cile tanti anni fa – ha scritto su Instagram al compagno Alexis Sanchez – avevamo il sogno di conquistare il mondo senza sapere cosa ci riservava la vita e dopo tutti questi anni con tanto sacrificio, fatica, impegno e perseveranza abbiamo realizzato cose importantissime sapendo che ci sono ancora tanti sogni da realizzare. Questo è per noi, le nostre famiglie e il nostro paese”.