La Roma con Mourinho sogna il doppio colpo olandese

Wijnaldum a duello con un avversario Liverpool Newcastle
Wijnaldum (Getty Images)

La Roma, con l’arrivo di Josè Mourinho, può alzare l’asticella anche sul mercato provando a migliorare l’organico che all’ultima giornata contro lo Spezia deve difendere il settimo posto.

In particolare il club giallorosso sogna il doppio colpo olandese: il centrocampista Georgino Wijnaldum, che a giugno va in scadenza con il Liverpool, e il difensore Nathan Akè, dopo un’annata al Manchester City in cui ha trovato poco spazio (14 presenze e un gol).

Per Wijnaldum la Roma è agguerrita a competere con società di grande spessore: il Barcellona, che sembrava in vantaggio su tutti, e l’Inter, se dovesse risolvere a breve i problemi finanziari con la trattativa con il fondo Oaktree.

La presenza di Mourinho può spostare gli equilibri, l’alternativa per caratteristiche è Renato Sanches, perno del Lille capolista in Ligue 1 ad una giornata dalla fine del campionato.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Dalot passa il pallone
Diogo Dalot (Getty Images)

Mourinho vuole un mix di gioventù ed esperienza

Wijnaldum è quel profilo esperto di cui ha bisogno Mourinho, bravo a individuare sempre dei leader a cui il gruppo s’aggrappa.

Nella Roma che verrà, però, s’immagina un mix di gioventù ed esperienza. Akè ha 26 anni, si porrebbe a metà, vanta già un buon cammino in Premier League.

Ci sono poi i giovani di talento su cui comunque la Roma deve costruire il suo percorso. Piace tanto Diogo Dalot, terzino destro classe ’99 in prestito dal Manchester United al Milan. I Red Devils lo acquistarono proprio su indicazione di Mourinho che lo aveva apprezzato nelle fila del Porto.

Sulla fascia sinistra, invece, è apprezzato Federico Dimarco che al Verona è a quota cinque gol e cinque assist. L’Inter, però, dovrebbe riportarlo a Milano esercitando il diritto di riscatto fissato a 6 milioni di euro, la Roma monitora la situazione.

Potrebbe cambiare qualcosa anche nell’organigramma dirigenziale. Dovrebbe essere aggiunto un dirigente nell’area tecnica e, secondo quanto riporta l’edizione odierna del Corriere dello Sport, tra i nomi individuati c’è Boniek che vive a Roma e dopo l’Europeo terminerà il mandato con la federazione polacca.

Ci sarebbe stato anche un incontro tra i Friedklin e Boniek a ridosso della sfida contro il Manchester United. Mourinho è in contatti costanti con Tiago Pinto, cerca anche un collaboratore tecnico. Tra i nomi più gettonati c’è Marco Amelia, che ha lavorato con lo Special One in una stagione al Chelsea.