Ronaldo, “patto tra gentiluomini” con Agnelli: le condizioni

Ronaldo a bordo campo prima di Atalanta-Juventus di Coppa Italia
Cristiano Ronaldo, Juventus (Getty Images)

Tra Ronaldo e Agnelli ci sarebbe un patto che permetterebbe al portoghese di lasciare i bianconeri, in caso di mancata qualificazione alla prossima Champions League.

La gara contro il Bologna per la Juventus sarà decisiva e discriminante per quanto riguarda la prossima stagione. La società bianconera, infatti, rischia di mancare l’approdo alla prossima Champions League e in tal senso potrebbero esserci conseguenze sia economiche che all’interno della rosa. Alla Juve, tuttavia, non basterà soltanto vincere. Dovrà guardare anche al risultato di Napoli-Verona e alla sfida tra Milan e Atalanta, scontro diretto in chiusura di stagione. Di conseguenza, soltanto dopo il 90′ si potrà capire la direzione da dare al futuro.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ronaldo via dalla Juventus senza Champions: il patto

Ronaldo e McKennie festeggiano la vittoria della Coppa Italia
Ronaldo e McKennie, Juventus (Getty Images)

Secondo quanto riferisce ‘La Repubblica’, la situazione più ‘scomoda’ alla quale prestare attenzione è quella relativa a Cristiano Ronaldo. Il portoghese è l’ago della bilancia: la sua continuità garantisce un appeal diverso al club, ma il suo addio può essere linfa per le casse danneggiate dai debiti, soprattutto dopo l’ultima difficile annata sotto ogni punto di vista.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, colpo di teatro per la big: arriva in Italia il nuovo allenatore

A stabilire il da farsi più che la volontà dei singoli sarà la posizione in classifica. Cristiano Ronaldo non giocherebbe l’Europa League. La condizione imprescindibile per la sua permanenza a Torino è disputare la Champions League. Il quotidiano smentisce la presenza di una clausola a tale riguardo all’interno del contratto del campione portoghese. Tuttavia, ci sarebbe comunque stato un tacito accordo e patto tra le parti al momento della stipula del primo accordo: senza Champions, CR7 viene lasciato libero di andare altrove. Un patto d’onore che Agnelli manterrebbe, anche poiché sarebbe quasi impossibile sostenere la presenza economica di Ronaldo senza gli introiti della Champions. Mancano quindi 90′ per capire cosa ne sarà del futuro del calciatore a Torino.