Milan, il futuro di Donnarumma ha una corsia preferenziale

Donnarumma in una delle sue ultime partite con il Milan
Donnarumma (Getty Images)

Gigio Donnarumma lascerà il Milan e Mino Raiola dovrà trovare una nuova sistemazione: tutte le strade sembrano portare alla Juventus

Mike Maignan si è presentato questa mattina alla clinica “Madonnina” per sostenere le sue visite mediche con il Milan. Il portiere francese nelle prossime ore diventerà ufficialmente rossonero aprendo un grosso punto interrogativo sul futuro di Gigio Donnarumma che a questo punto lascerà la squadra di Stefano Pioli. Sembra assai improbabile, infatti, che la dirigenza milanista possa proseguire nell’estenuante trattativa con il suo agente Mino Raiola. I rossoneri hanno deciso di non cedere ai “ricatti” del procuratore che ora dovrà piazzare altrove il suo assistito, per il quale aveva chiesto un commissione monstre al Milan (si parla di 20 milioni di euro). I rossoneri dopo il lungo tentativo di procedere al prolungamento del contratto si sono fatti da parte. Donnarumma dunque cambierà maglia. Resta da capire se chiedere al suo agente di chiudere subito la questione per poi pensare esclusivamente agli Europei oppure aspettare che questi ultimi finiscano per prendere serenamente una decisione. Dal momento che il 30 giugno resterà svincolato appare più probabile la prima ipotesi.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Raiola pensieroso
Raiola (GettyImages)

Futuro Donnarumma: Juventus favorita, le altre big dovrebbero scaricare i propri portieri

La soluzione più accreditata per Gianluigi Donnarumma è la Juventus. I bianconeri sono sulle tracce dell’estremo difensore campano già da tempo. Il calciatore si sposterebbe soltanto di “pochi” chilometri mentre la società del presidente Andrea Agnelli non avrebbe problemi a salutare Szczesny, sul quale hanno messo gli occhi diversi club di Premier. Il polacco, così come Buffon, lascerà la Juventus che con Donnarumma arriverebbe a compiere un importante ricambio generazionale.

Per Raiola diventerà più complicato piazzarlo altrove. Sebbene il portiere arriverebbe a parametro zero, le richieste dell’agente sono molto esose. Non solo l’ingaggio da 10 milioni netti a stagione però tra gli ostacoli ma anche il fatto che gli altri principali club europei sembrano essere già in buone mani: Courtois al Real Madrid, Ter Stegen al Barcellona, Oblak all’Atletico Madrid, Navas al Psg, Ederson al Manchester City, Mendy al Chelsea, De Gea allo United, Alisson al Liverpool, Neuer al Bayern Monaco.

Tra tutti, più in bilico potrebbe essere De Gea al Manchester United con cui Raiola ha un rapporto di amore e odio, condensato negli ultimi mesi dalle frasi sul futuro di Pogba.
Donnarumma potrebbe poi stuzzicare il Psg in vista della successione di Keylor Navas, che compirà 35 anni a giugno. Il portiere del Costa Rica però è blindato da un contratto fino al 2024 pertanto potrebbe restare come secondo.

LEGGI ANCHE >>> Scambio di panchine in Serie A: tutto parte con Juric

L’altra opportunità alla Juventus potrebbe essere proprio in Italia con l’Inter che deve individuare il successore di Handanovic. Riguardo questa pista però esistono due forti dubbi: nell’austerity e il taglio del monte ingaggi di Zhang c’è spazio per un ingaggio da 20 milioni lordi all’anno? Improbabile. E poi, soprattutto, Donnarumma si macchierebbe di un tradimento così profondo passando dall’altra parte dei Navigli?