Milan, Vlahovic non ha più dubbi: “Non vedo l’ora”

Fiorentina, Vlahovic esulta dopo un gol alla Lazio
Dusan Vlahovic, Fiorentina (Getty Images)

Vlahovic parla a una rivista serba della sua ultima stagione alla Fiorentina ed esprime un giudizio molto positivo sul nuovo allenatore, Rino Gattuso. 

La grande sfida della Fiorentina sarà trattenere in squadra il suo numero 9, Dusan Vlahovic. Nonostante la deludente ultima stagione da parte della squadra viola, il serbo ha fatto benissimo, affermandosi come uno dei terminali offensivi più in vista del campionato. Da qui l’inevitabile interesse di alcuni club, tra cui il Milan, mentre Commisso ha deciso di ripartire da Gattuso. La nuova guida potrebbe anche inspirare il giocatore a proseguire il cammino a Firenze.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Fiorentina, Vlahovic entusiasta di Gattuso: messaggio per il futuro?

L'esultanza di Vlahovic in Fiorentina-Lazio
Vlahovic, Fiorentina (Getty Images)

In occasione di un’intervista rilasciata alla rivista ‘MozzartSport’, Vlahovic ha parlato del momento chiave che ha rivoluzionato, per adesso, la sua carriera: “La svolta nella mia carriera è arrivata con Cesare Prandelli. Aveva già parlato bene di me mentre ero in Nazionale. Quando sono tornato, ci siamo incontrati e mi ha spiegato cosa volesse da me e mi ha detto che mi avrebbe dato una possibilità. Dopo cinque partite, finalmente ce l’ho fatta a segnare e quell’obiettivo è stato il più difficile della mia carriera finora. Senza l’aiuto di Prandelli, niente di tutto questo sarebbe successo. Mi ha dato una fiducia illimitata e gli sarò grato per il resto della mia vita”.

LEGGI ANCHE >>> Effetto Mourinho: il giocatore dell’Arsenal apre alla Roma

É stato senza dubbio Prandelli l’uomo più apprezzato e che Vlahovic ha maggiormente seguito, ma il serbo ha parole dolci anche per mister Iachini e apre con entusiasmo all’incontro con Gattuso, il quale verosimilmente lo allenerà durante la prossima stagione: “Iachini è un grande uomo, il rapporto era perfetto. Con lui dovevo giocare e segnare sempre, per cui mi ha messo in panchina dopo le prime sfide senza gol. Fiducia e continuità sono importanti, così tutto diventa facile. Per quanto riguarda Gattuso, parliamo di un campione del mondo. É un allenatore che non si arrende mai, un grande motivatore che ha fame di vittorie. Non vedo l’ora di contrarlo“. E chissà che questo entusiasmo non allontani ogni possibilità di trasferimento e convinca l’attaccante a proseguire alla Fiorentina.