Ceferin al veleno (anche) contro la FIFA: la battuta pungente sul Mondiale

Aleksander Ceferin perplesso
Aleksander Ceferin (Getty Images)

Ceferin punge la FIFA: “Il Mondiale per club non potrà mai essere come la Champions”. E su Euro 2020: “Complicato giocare in 12 Paesi”

È stato l’anno peggiore della mia vita“: così il presidente UEFA Aleksander Ceferin in un’intervista a ‘The Telegraph’ parlando delle ultime traversie che hanno coinvolto la confederazione europea, dalla Superlega alla complicata organizzazione di Euro 2020 in tempo di pandemia.

In particolare, sui rapporti tra UEFA e FIFA, Ceferin ha parlato del nuovo Mondiale per club, di fatto sminuendolo: “Primo: non potrà mai essere interessante come la Champions League. Secondo: c’è un accordo chiaro con la FIFA, il torneo si terrà ogni quattro anni, ci saranno 8 club europei su 24 e potremo promuoverci a vicenda».

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ceferin e Infantino discutono in tribuna
Ceferin e Infantino (Getty Images)

Ceferin: “Mondiali ed Europei ogni due anni? Idea irrazionale”

Allo stesso tempo, Ceferin ha respinto con decisione l’idea, sorta in capo ad alcune federazioni, di organizzare i Mondiali e gli Europei ogni due anni: “È un qualcosa di completamente irrazionale. È la politica del calcio, che a volte è ancora più problematica della politica normale. Come possiamo permettere ai giocatori di giocare ogni estate un torneo di un mese?”.

Ceferin ha anche spiegato di non essere mai stato entusiasta dell’Europeo spalmato su tutto il continente: “È stato deciso prima che fossi eletto presidente e penso che sia un modello molto complicato con diverse giurisdizioni, diverse valute, diversi Paesi, diversi sistemi di visto”.

LEGGI ANCHE>>> Ceferin, l’ultima bordata della giornata: “I tre club stanno minacciando”

“Prendiamo il gruppo A – ha proseguito il dirigente sloveno -. Ci sono Italia, Turchia, Galles e Svizzera, si gioca a Roma e Baku. È un volo molto lungo e in più abbiamo il Covid: quindi è dura, davvero dura”. Un’esperienza, di fatto, da non ripetere, tanto che già nel 2024 gli Europei torneranno a disputarsi in un unico Paese.