Italia, Mancini e l’esclusione dolorosa: la rivelazione in conferenza

Roberto Mancini a bordocampo
Roberto Mancini (Getty Images)

L’Italia si prepara a disputare i prossimi Europei. Roberto Mancini ha parlato delle esclusioni che stanno facendo discutere.

Manca ormai poco più di una settimana all’inizio dei prossimi Europei. L’Italia proverà a candidarsi fin da subito per arrivare fino in fondo, e la corsa già entusiasma. Dopo il difficile periodo vissuto nel corso dell’ultimo anno e mezzo, per gli italiani riversarsi sulla nazionale potrà essere un’ottima valvola di sfogo dopo il difficile momento legato alla Pandemia.

Mancini sa che la nazione osserverà con entusiasmo il percorso degli azzurri, nella speranza di poter gioire alla fine. E cosi nelle ultime ore, va detto, già c’è stato molto da discutere per quelle che sono state le scelte del commissario tecnico. Le convocazioni hanno creato diverse polemiche, al punto che anche oggi in conferenza stampa c’è stato un passaggio dello stesso allenatore sull’argomento.

Due i nomi esclusi che in particolare hanno fatto storcere il naso a diverse persone. Da un lato Matteo Politano, che dopo un’ottima stagione al Napoli si pensava avrebbe meritato di diritti la convocazione. Cosi come per Matteo Pessina, un altro dei protagonisti della nostra Serie A con l’Atalanta. Entrambi a casa, come anche Moise Kean, un altro degli esclusi che ha fatto parecchio discutere.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Matteo Pessina in posa
Matteo Pessina (Getty Images)

Mancini e l’esclusione dolorosa ammessa in conferenza

Cosi proprio Roberto Mancini, parlando oggi in conferenza stampa, ha toccato proprio il tema delle esclusione, ammento come una particolare sia stata parecchio dolorosa per il commissario tecnico. “Pessina fuori è stato una scelta dolorosa come gli altri, lasciarlo fuori… Avrebbero meritato tutti di starci per i giocatori e i ragazzi che sono”, le parole del commissario tecnico.

LEGGI ANCHE>>> Il Sassuolo ha finalmente trovato l’erede di De Zerbi

“Non è stato semplice per nessuno. Tutti ci sono rimasti male, sono ragazzi che avrebbero meritato d’esser qua. Saranno chiamati in futuro, e saranno giocatori importanti per la Nazionale”, ha poi ribadito Mancini.