Milan, l’ufficialità che ha gelato tutti (compreso Ibra)

Maldini pensieroso
Paolo Maldini (Getty Images)

Giroud ha rinnovato il suo contratto con il Chelsea fino al 30 giugno 2022. Delusione per il Milan, che lo ha a lungo corteggiato.

Tutto da rifare per il Milan. Proprio quando si aspettava soltanto l’ufficialità, ecco la doccia fredda: il prossimo acquisto per potenziare il reparto offensivo non sarà Olivier Giroud. Il francese ha infatti rinnovato per un altro anno il proprio contratto con il Chelsea, che ha ufficializzato la notizia attraverso un comunicato stampa pubblicato sul proprio sito. 

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Giroud festeggia la Champions
Olivier Giroud (Getty Images)

Delusione Milan: sfuma l’arrivo di Giroud

Felice il direttore dei Blues Marina Granovskaia: “Olivier è rappresentato una parte importante di tanti grandi momenti per questo club, dal suo contributo alla vittoria della nostra Coppa d’Inghilterra nel 2018 alla segnatura di 11 gol sulla strada per vincere l’Europa League nel 2019. Ha continuato a segnare reti importanti e non dimenticheremo mai il suo impegno contro l’Atletico Madrid in Champions League in questa stagione. Con così tanto da giocare ancora, c’era solo una decisione che potevamo prendere”.

LEGGI ANCHE >>>

Giroud resterà quindi alla corte di Thomas Tuchel almeno fino al 30 giugno 2022. Il Milan, dal canto suo, gli aveva proposto un contratto biennale da 4 milioni netti l’anno garantendogli un ruolo chiave all’interno della squadra insieme a Zlatan Ibrahimovic. Promesse che però non sono bastate a convincere la punta, convocata dalla Nazionale francese in vista dell’Europeo. Paolo Maldini dovrà ora voltare pagina e passare al prossimo nome sulla lista. La delusione, in ogni caso, resta forte. Anche perché pure Ibrahimovic aveva parlato del trasferimento dell’attaccante al Milan: “Più giocatori di grande livello riusciamo a inserire, meglio è. Giroud ha grande esperienza e non abbiamo tanti giocatori che abbiano vinto trofei. Se viene è il benvenuto”.