La visita che mette l’Inter davanti a tutti per l’attaccante

Marotta
Marotta (Getty Images)

L’Inter prova ad accelerare per l’attaccante: l’agente alla Pinetina e non si tratta soltanto di una visita di cortesia

Non soltanto cessioni per l’Inter. In attesa dell’addio del pezzo da novanta (con ogni probabilità Hakimi) e di capire se poi più in là sarà necessario cedere alla corte delle big europee per un altro pilastro tricolore, il club nerazzurro fa le prime mosse anche in entrata. Serve un attaccante che possa prendere il posto di Sanchez o anche di Lautaro Martinez, se il Toro dovesse essere ceduto. Tra i nomi nel mirino quello su cui la dirigenza interista sta lavorando più alacremente è Giacomo Raspadori, 21 anni, di proprietà del Sassuolo e fresco di convocazione ad Euro2020.

Mancini crede molto in lui e lo ha indicato come possibile sorpresa dell’Italia nella competizione continentale. In lui crede anche l’Inter che lo ha inserito tra gli obiettivi per la prossima stagione. Nerazzurri ma non solo, perché Raspadori piace un po’ a tutte le big italiane. Ma Marotta prova ad anticipare tutti e in questo senso si legge la presenza di Tullio Tinti, agente dell’attaccante, alla Pinetina.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Raspadori
Raspadori (Getty Images)

Inter, agente Raspadori alla Pinetina

A riportarlo è il ‘Corriere dello Sport’ secondo cui non si può ridurre la visita del procuratore nel centro sportivo dell’Inter ad una casualità. Di certo c’è che Raspadori piace all’Inter e che il Sassuolo non vorrebbe cederlo.

LEGGI ANCHE >>> Inter, il sostituto di Lautaro Martinez arriva a parametro zero

La convocazione agli Europei rende poi più complicato venire a patti con i neroverdi: se il 21enne dovesse riuscire a ritagliarsi spazio con la Nazionale, la sua valutazione salirà ulteriormente. Un ostacolo alla voglia dell’Inter di portarlo a Milano, ma un problema per tutte le società interessate al giovane attaccante. Protagonista di cinque gol in stagione, Raspadori ha ora l’opportunità di dimostrare il suo valore in Nazionale. Poi sarà il momento di pensare al futuro con l’Inter (e non solo) sullo sfondo.