“La Uefa non può squalificare la Juventus”: la notifica è già arrivata

Andrea Agnelli
Andrea Agnelli (Getty Images)

Nella vicenda Superlega arriva la presa di posizione contro la Uefa che potrebbe cambiare il destino di Juventus, Barcellona e Real Madrid

Stop alle sanzioni per Juventus, Barcellona e Real Madrid. Mentre si attendono le decisione degli organi di giustizia della Uefa, è dalla Svizzera che arriva un altolà ai progetti di ‘vendetta’ di Alexsander Ceferin. A riferirlo è ‘Cadena Ser’ secondo cui il Ministro della Giustizia svizzero ha presentato una doppia notifica, a Uefa e Fifa, comunicando che le due istituzioni sportive non possono sanzione i tre club che ancora non hanno rinunciato al progetto Superlega.

Resta da capire ora cosa accadrà: la Uefa andrà avanti con il suo procedimento oppure lo ritirerà, ascoltando le richieste arrivate dalla Svizzera? Un interrogativo che si inserisce all’interno di un caso molto complesso che tira in ballo anche la giustizia ordinaria.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ceferin
Ceferin (Getty Images)

Superlega, niente sanzioni per Juventus, Barcellona e Real

E’ noto che un giudice spagnolo ha già espresso il suo parere contrario alle eventuali sanzioni Uefa contro i tre club ‘ribelli’, giudizio che ora è stato recepito anche in Svizzera. Lo stesso giudice che ha poi presentato un reclamo presso la Corte di giustizia europea in Lussemburgo per verificare l’esistenza di un monopolio da parte di Uefa e Fifa.

LEGGI ANCHE >>> Guardiola offre alla Juventus il post Cristiano Ronaldo

Un altro capitolo quindi in una vicenda che si preannuncia lunga: una battaglia senza esclusione di colpi che si sta combattendo anche con dichiarazioni pubbliche. Recenti quelle di Agnelli (“La superlega non è un colpo di stato ma un grido di aiuto disperato”) e le ultime di Ceferin che si è scagliato contro il presidente della Juventus: “Per me non esiste più”. Resta ora da capire se la Uefa continuerà per la sua strada oppure deciderà di fare dietrofront: l’estate del calcio si preannuncia tutt’altro che tranquilla.