Donnarumma al PSG? Il compagno Florenzi lo “avvisa”

Italia, Florenzi in conferenza stampa
Alessandro Florenzi, Italia (Getty Images)

Le parole di Alessandro Florenzi dal ritiro dell’Italia; un breve commento anche sul possibile trasferimento di Donnarumma al PSG. 

Mancano tre giorni all’esordio dell’Italia a Euro2020 contro la Turchia. La sfida, che inaugurerà la competizione, si disputerà all’Olimpico davanti a 15mila tifosi circa. Alessandro Florenzi, difensore di proprietà della Roma ma in prestito al PSG, è intervenuto in conferenza stampa dal ritiro della Nazionale di Mancini: “Sto benissimo. Non vedo l’ora di giocare questi Europei, ci stiamo preparando al meglio e siamo carichi. Da venerdì dobbiamo solo pensare a dare tutto quello che abbiamo. Tifosi? Sono sempre pochi perché saranno 15-16mila in uno stadio da 80mila, sarà però un’emozione tornare in un campo che mi ha dato tanto, che mi ha visto crescere”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Nazionale, Florenzi ‘avvisa’ Donnarumma

L'allenamento della Nazionale italiana
Italia, allenamento Nazionale (Getty Images)

Florenzi si è poi soffermato sulle favorite, mettendo in cima la Francia: “Hanno il giocatore più forte del torneo e io l’ho visto tutto l’anno, quindi lo so. Sono i favoriti e il Mondiale lo dice, ma vincere non è né scontato né facile. Ci sono altre Nazionali forti che possono insidiarla ma ci siamo anche noi. Sarà dura, ci sono tante squadre pronte a darsi battaglia”.

LEGGI ANCHE >>> Donnarumma firma per il Psg ma ha già un problema

Sul futuro invece, il difensore è leggermente più criptico: “Dopo la Nazionale… vado in vacanza! Nulla mi condiziona e non leggo nulla. Sono cresciuto sotto questo punto di vista, prima leggevo anche cosa scriveva il vicino sotto casa. Le valutazioni le faremo dopo l’Europeo. Donnarumma al PSG? La vita è la sua, il lavoro e le decisioni sono le sue. Sceglierà quello che penserà sia la cosa migliore per il suo futuro. Sul PSG posso dire che questo anno mi ha insegnato tante cose. Nello spogliatoio ci sono persone e personalità forti e ora mi sento un giocatore migliore e più forte”.