Il grande salto di Berardi: “50 milioni in arrivo per il Sassuolo”

Berardi in azione
Domenico Berardi (Getty Images)

Berardi, dopo l’ottima prestazione contro la Turchia, è finito sotto i riflettori. Diverse le big della Premier League che lo seguono.

Il cross radente in area che ha provocato l’autogol di Merih Demiral, decisivo per sbloccare una partita fin lì bloccata, e una serie di belle giocate sempre al servizio dei compagni. Domenico Berardi è, insieme a Leonardo Spinazzola, l’azzurro messosi maggiormente in luce durante la prima partita dell’Italia all’Europeo contro la Turchia. Una prestazione che gli ha permesso di finire sotto i riflettori continentali, con diverse big della Premier League che hanno iniziato a seguirlo con interesse.

Tutte le news sullaSERIE A e non solo:CLICCA QUI!

L'autogol di Demiral
Turchia – Italia (Getty Images)

Fissato il prezzo di Berardi: ecco la richiesta del Sassuolo

Il Sassuolo, da parte sua, è pronto ad ogni evenienza e ha fissato il prezzo: 50 milioni, netti e senza sconti. L’intenzione sarebbe quella di confermarlo, facendone ancor di più il simbolo del club come spiegato di recente dall’amministratore delegato Giovanni Carnevali. “Lo vogliono in tante – ha detto a ‘Tuttosport’ – ma spero resti con noi. È la nostra bandiera, il Totti del Sassuolo”. Tuttavia, in queste ore, sta crescendo la consapevolezza che le probabilità di riuscire a trattenerlo alla base per un’altra stagione, specie se le prestazioni in Nazionale dovessero essere ancora così buone, sono davvero basse. 

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Sassuolo, non solo Locatelli: sì alla tripla cessione

Su Berardi, che ha ormai soffiato il posto da titolare allo juventino Federico Chiesa, ci sono Arsenal, Manchester United ed il Tottenham dove è da poco arrivato Fabio Paratici (suo grande estimatori). Finora niente di concreto, solo sondaggi ma il gradimento nei suoi confronti in Inghilterra è forte. In 30 presenze in campionato, il 26enne ha segnato 17 gol e servito 8 assist: numeri che, uniti alle prestazioni con l’Italia, ora gli potrebbero consentire di salire di livello e fare il grande salto.