Juve, l’Europeo parla chiaro: per la rinascita, citofonare Raiola

Pogba esulta
Pogba @GettyImages

Pogba fantastico in Francia-Germania: un repertorio straordinario. La Juventus subito contatti Raiola per la sua rinascita  

La partita di Paul Pogba in Francia-Germania è stata, semplicemente, straordinaria. Nel primo tempo il classico condensato delle due fasi espresse ai massimi livelli. Il campo coperto e stretto agli avversari con forza, intensità ed intelligenza. Tanti duelli vinti, ottima la capacità di interdizione. Quando, poi, il pallone era tra piedi francesi, allora Pogba ha controllato il pallone con eleganza, nascondendolo agli avversari, provando profondità ed aperture. Splendido il lancio per Hernandez in occasione del vantaggio transalpino a Monaco di Baviera con l’autorete di Hummels. Nel secondo tempo, non cambia il trend: solo un fuorigioco millimetro annulla il gol, bellissimo, di Mbappé. Il lancio? Sempre di Pogba.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Pogba in Francia-Germania
Paul Pogba in Francia-Germania (Getty Images)

Pogba-Juve, passa tutto da Raiola

Spendere altre parole per Pogba è inutile: pensare che debba essere il perno della rinascita bianconera sotto la gestione Massimiliano Allegri è quasi lapalissiano. Perché la Juventus vista quest’anno, a tratti debole, senza quella forza e quel cinismo che appartengono alla storia bianconera, hanno bisogno di questo Pogba. Il centrocampista, di recente, ha dichiarato che non ha iniziato col Manchester United i negoziati per un prolungamento del suo contratto in scadenza nel 2022.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, Allegri modella l’attacco: affare chiuso, è ufficiale

Non è un segreto che nella scala delle preferenze di Pogba, il ritorno Torino sia una delle opzioni in apice. Questo è il motivo per il quale la Juventus deve sondare, contattare, spingere forte su Mino Raiola perché conduca l’operazione del ritorno del suo assistito all’Allianz contestualmente all’addio di Cristiano Ronaldo. Una strada per tenere i costi più contenuti, crescere il livello di competitività di squadra della Juventus e restituirle la dimensione europea che con Massimiliano Allegri vanta due finali di Champions ha al proprio attivo.