Euro 2020, batosta per la Nazionale: la squalifica è ufficiale

Arnautovic sembra rivolgersi ad Alionski dopo il suo gol
Marko Arnautovic (Getty Images)

Austria, è ufficiale la squalifica dell’attaccante Marko Arnautovic. Salta la gara di Euro 2020 con l’Olanda dopo l’esultanza contro la Macedonia.

Si complicano le cose in casa Austria. Marko Arnautovic, attaccante della Nazionale austriaca, non potrà prendere parte alla sfida di Euro 2020 contro l’Olanda. Il motivo? L’attaccate è stato squalificato per un turno dopo la polemica esultanza contro la Macedonia. Brutta notizia per mister Foda che dovrà fare a meno di uno dei suoi uomini più rappresentativi.

Arnautovic chiarisce l'equivoco con Alioski
Austria-Macedonia del Nord, Euro 2020 (Getty Images)

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Euro 2020: ufficiale la squalifica di Arnautovic

A comunicare la notizia è stata la Federcalcio austriaca tramite una nota ufficiale apparsa sui propri canali: “La celebrazione del gol di Marko Arnautovic alla partita del girone di UEFA EURO 2020 tra Austria e Macedonia del Nord è stata classificata dal Comitato Disciplinare UEFA come un insulto all’avversario, che comporta la penalità minima di una partita di sospensione per il giocatore della squadra austriaca. La decisione è stata comunicata nel primo pomeriggio di mercoledì. Ciò significa che Marko Arnautovic non sarà a disposizione della nazionale nella seconda partita del girone del Campionato Europeo contro l’Olanda”.

LEGGI ANCHE >>> Moggi ‘ribalta’ Calciopoli: accusa ad “altri club” di Serie A

Anche Arnautovic ha espresso la sua sulla vicenda. Ecco un estratto di quanto dichiarato: “Ho ammesso pubblicamente la mia cattiva condotta. Mi sono scusato anche prima che fosse avviato il procedimento disciplinare nei miei confronti. Le provocazioni non giustificano il mio comportamento. Sono chiaramente a favore delle diversità. Sono cresciuto con persone di culture e paesi diversi. Lo sanno tutti. Vorrei fornire 25000 euro per il mio progetto di integrazione, in cui agisco come mecenate, in modo tale che anche il mio comportamento sbagliato possa essere utile per una buona causa”.