Juve, la doppia arma di Allegri arriva dal Brasile

Massimiliano Allegri sorridente
Massimiliano Allegri (Getty Images)

Allegri può già sorridere: Alex Sandro, in gol nella sfida di Copa America tra Brasile-Perù, match terminato 4-0, continua a confermare il suo ottimo stato di forma in vista della prossima stagione. Stesso discorso per Danilo, nuovamente titolare nel 4-4-2 brasiliano

La nuova Juventus di Massimiliano Allegri prende forma e si prepara a una nuova stagione dopo l’ultima annata leggermente altalenante. Il nuovo tecnico bianconero può già sorridere di fronte alle gesta in Copa America di Alex Sandro e Danilo, autori di due partire da assoluti protagonisti.

Alex Sandro, in gol nel 4-0 rifilato dai brasiliani al Perù, sembrerebbe essere ritornato a grandi livelli, mentre Danilo, confermato titolare nel ruolo di terzino destro, continua a rivelarsi una pedina preziosa anche per la selezione brasiliana. Allegri potrà contare sulla sua coppia di terzini anche in vista della prossima stagione, ma non è escluso che i bianconeri possano valutare nuovi profili mercato per la fascia sinistra.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Alex Sandro positivo al Covid
Alex Sandro positivo al Covid (Getty Images)

Alex Sandro e Danilo confermati da Allegri: come cambierà la Juventus sugli esterni

Alex Sandro sarà confermato nel ruolo di terzino sinistro salvo clamorose offerte. Su di lui resta forte l’interesse di diverse squadre di Premier League, ma la Juventus potrebbe aprire al suo addio solamente di fronte a un’offerta cash da circa 20-25 milioni. Danilo si giocherà una maglia da titolare con Cuadrado, ma non è escluso che Allegri possa decidere di avanzare il colombiano nella linea degli attaccanti e inserire Danilo nell’11 titolare nel ruolo di terzino destro.

LEGGI ANCHE >>> Inter, la cessione è ufficiale: l’esterno vola in Premier League

Per la fascia sinistra, a prescindere dalla conferma di Alex Sandro, potrebbe arrivare un nuovo terzino sinistro. La Juventus valuterà il da farsi e non è escluso che il nuovo ds Cherubini possa affondare il colpo sul mercato dopo il capitolo cessioni.