Europei senza tregua: 30 arresti dopo lo scorso big match

Tifosi della Scozia a Londra
Tifosi Scozia a Londra (Getty Images)

Un’altra notte complicata per gli Europei, a causa degli arresti a Londra al termine del match tra Inghilterra e Scozia.

Il campo non ha regalato grandi emozioni. Inghilterra-Scozia, gara valida per la seconda giornata del Gruppo D di Euro 2020, si è conclusa 0-0. Tuttavia, a Wembley lo spettacolo non è mancato per buona parte del match, grazie ai tifosi presenti sugli spalti. In effetti si preannunciava un derby piuttosto caldo e così è stato, in pieno clima “normale” poiché c’è stata festa e ci sono stati cori.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Arresti a Londra dopo Inghilterra-Scozia agli Europei

Tifosi della Svezia a Londra per la sfida di Euro 2020
Tifosi della Scozia a Londra (Getty Images)

Tuttavia, sono ritornati anche i fantasmi del passato, quando le tribune degli stadi erano gremite di persone e ci si riuniva nei locali antistanti prima e dopo un match per festeggiare. Stando a quanto fa sapere l’account Twitter della Polizia locale, a Londra sono avvenuti per 30 arresti al termine della gara tra Scozia e Inghilterra.

LEGGI ANCHE >>> La commovente lettera dell’Inter a Christian Eriksen

Le Forze dell’Ordine sono state costrette ad intervenire dopo una serie di aggressioni e dopo aver constatato l’abuso di droghe. La Polizia ha fermato 25 persone nel centro della capitale mentre gli altri 5 arresti sono avvenuti vicinanze di Wembley. Scotland Yard spiega sui social: “30 persone sono state arrestate durante la nostra operazione poliziale per Inghilterra-Scozia. La maggior parte nel centro di Londra, 5 vicino Wembley. Grazie a tutti per aver collaborato con gli ufficiali, che sono stati tra la folla tutto il giorno e la notte. Ci sono stati 13 arresti per offese al Pubblico Ufficiale, 6 per stato di ubriachezza e disordini, 4 per assalto alla Polizia, 3 per assalti, 2 relativi all’utilizzo di droghe di classe A e uno per aver violato un ordine di dispersione più un altro aver violato un ordine di divieto”.