L’incredibile storia di Brereton, l’inglese che ha fatto impazzire il Cile

Cile, Ben Brereton esulta dopo il gol contro la Bolivia
Ben Brereton, Cile (Getty Images)

Ben Brereton non è un comune oriundo per il Cile. La storia del suo legame con la Terra del Fuoco ha radici molto più profonde ed esaltanti. 

Cosa avrebbe fatto a Stoke-on-Trent nella contea di Staffordshire, se non avesse giocato a calcio? Il poliziotto. Ben Brereton, nome che più inglese non si può, avrebbe seguito le orme di suo padre e sarebbe andato, come in realtà ha fatto spesso da ragazzino, da abbonato a vedere lo Stoke City, club del quale è chiaramente tifoso. Tuttavia, la vita spesso prende delle pieghe inattese e l’attuale calciatore del Blackburn Rovers, seconda divisione inglese, a 22 anni si trova ad essere l’ultimo idolo dei tifosi cileni mentre difende e segna con la maglia della Nazionale Roja, in occasione della Copa América.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ben Brereton, la curiosa storia del nuovo goleador del Cile

Messi e Brereton in Argentina-Cile di Copa America
Ben Brereton e Leo Messi in Argentina-Cile (Getty Images)

Terminato l’entusiasmo per la Generación Dorada, fatta dai capisaldi Sánchez, Vidal, Valdivia, Medel, Vargas, ecc…, subentra la speranza che non sia stata soltanto un’epoca passeggera. E la ricerca del prossimo idolo si è fermata proprio sulla maglia 22 di Brereton. Che ci fa però un inglese con la Nazionale cilena? Sua madre lo è, semplice, e potrebbe essere la storia di molti oriundi, ma la sua è decisamente più speciale perché lo è il legame che ha col Cile.

LEGGI ANCHE >>> La Fifa prepara una stangata che può costare tanto a Lozano

Nonostante la sua cultura, il modo di essere e di giocare siano lontani dalle radici sudamericane, la famiglia di Brereton è storicamente tra le più importanti di Penco, località nella provincia di Concepción, luogo natale della madre. A Biobío, infatti, i suoi antenati arrivarono dalla Spagna intorno agli anni 30 del ‘900 e, dopo il fallimento di un’impresa che avevano, si dedicarono alla produzione di… stoviglie, le Lozapenco. Sembra essere un affare da poco o molto comune, e in realtà fu di grande successo. Probabilmente non c’è famiglia in Cile che, nel corso della sua esistenza, non abbia comprato una batteria di stoviglie prodotta dalla famiglia del calciatore anglo-cileno. Tanto fu il successo che l’intera cittadina ne giovò economicamente e il sigillo di Penco è proprio il disegno dei piatti dell’azienda. L’impressione è che in qualche modo gli Brereton siano destinati a fare grande il Cile, e in effetti dopo il debutto contro l’Argentina è arrivato il gol durante la sfida contro la Bolivia. Un’escalation che già fa, inevitabilmente, sognare la Roja.