Fiorentina, come cambia il mercato senza Gattuso

Milenkovic Fiorentina Inter Milan
Milenkovic (Getty Images)

Il mercato della Fiorentina potrebbe cambiare in maniera totale dopo l’addio di Gattuso. Caccia al nuovo allenatore, con focus totale su Italiano: sarà assalto a un nuovo difensore e un nuovo attaccante.

Il calciomercato della Fiorentina cambierà in modo radicale dopo l’addio di Gattuso. La Viola punterà l’indice su Italiano come nuovo allenatore, ma tutto dipenderà dall’offerta dei toscani e dalla possibilità dell’attuale tecnico dello Spezia nel dire addio al club ligure. La Fiorentina punterà su un nuovo centrale difensivo, un nuovo centrocampista, un esterno offensivo e un centravanti pronto a recitare il ruolo di vice Vlahovic.

In difesa piace Rugani: la Viola potrebbe valutare il possibile affondo basando l’offerta sul prestito con possibile diritto di riscatto. La Juventus potrebbe inserire il cartellino del difensore in caso di offerta per Milenkovic. Il centrale della Viola piace particolarmente ai bianconeri, pronti ad avanzare un’offerta vicina ai 30-35 milioni di euro. Per ammortizzare le richieste viola, però, come detto, i bianconeri potrebbero valutare l’inserimento di alcune contropartite tecniche.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Vlahovic
Vlahovic (Getty Images)

Calciomercato Fiorentina, le cessioni in casa viola: Vlahovic corteggiato dalla Juventus

Non solo Milenkovic, la Juventus continua a osservare molto attentamente anche Vlahovic. I bianconeri potrebbero valutare l’affondo mettendo sul piatto della bilancia un’offerta cash da circa 60 milioni di euro compreso di contropartite tecniche. L’attaccante serbo, classe 2000, piace anche al Milan e alla Roma.

LEGGI ANCHE >>> Milan e Real Madrid, aperto l’asse per portare due rinforzi a Milano

La doppia cessione di Vlahovic e Milenkovic potrebbe fruttare circa 100 milioni di euro alle casse viola, cifra che consentirebbe alla Fiorentina di rifondare totalmente il mercato e gli obiettivi per la prossima stagione. Da valutare anche il futuro di Ribery. Prima l’annuncio del nuovo allenatore, poi il club toscano avrà modo e tempo per programmare i piani del futuro.