Lazio, caos Luis Alberto: perché domani può essere il giorno decisivo

Luis Alberto con la Lazio
Luis Alberto, Lazio (Getty Images)

Novità su Luis Alberto e la Lazio. Domani il calciatore raggiungerà il club ed avrà un confronto con il ds Tare, durante il quale saranno più chiare le sue posizioni. 

Non appena arrivato alla Lazio, Maurizio Sarri ha già delle pratiche da risolvere e la più importante riguarda sicuramente Luis Alberto. Il calciatore spagnolo non ha risposto alla prima chiamata del club per il raduno e, dopo le insistenze, ha proseguito sulla scia dell’assenteismo fino a non essere inserito nella lista per il ritiro estivo di Auronzo di Cadore.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Lazio, Luis Alberto torna e incontrerà Tare: la situazione

Luis Alberto in campo con la Lazio
Luis Alberto, Lazio (Getty Images)

Non è facile comprendere le motivazioni che si nascondono dietro a una scelta così drastica da parte di uno dei calciatori simbolo delle ultime stagioni biancocelesti, ma sicuramente si cela il desiderio di cambiare squadra per compiere un ulteriore balzo di carriera. Pochi giorni fa, tuttavia, è circolata l’indiscrezione secondo la quale in realtà Luis Alberto sia in Spagna per dei cicli di fisioterapia per problemi non precisati oppure si narra che abbia dato forfait per il compleanno della moglie. Ad ogni modo presto sarà lui stesso a rivelare le ragioni del suo comportamento.

LEGGI ANCHE >>> Inzaghi, è ancora derby: ‘negato’ un giocatore alla Roma

Come riferisce il ‘Corriere dello Sport’, mercoledì Luis Alberto raggiungerà la squadra. Ci sarà prima un colloquio con il ds Tare e poi la partenza per il ritiro. Maurizio Sarri gli aprirà con piacere le porte se, come detto in conferenza stampa, il calciatore si mostrerà pentito per questa insubordinazione. Bisognerà tuttavia capire innanzitutto le sue motivazioni: lo spagnolo tornerà sui suoi passi o chiederà la cessione? Il suo contratto con la Lazio è fino al 2025 e al momento non sono giunte offerte, nonostante i sondaggi di Juventus e Milan, in Italia.