Juve, spunta il piano per il dopo Ronaldo: Agnelli ha scelto l’erede

Agnelli durante il derby di Torino
Andrea Agnelli, Juventus (Getty Images)

La Juve ha un obiettivo preciso per il futuro: provare a portare in bianconero il fenomeno della Bundesliga, Erling Haaland.

Stando a quanto riportato da La Repubblica, la Juventus avrebbe scelto chi sarà l’erede di Ronaldo per il futuro. Si parla, infatti, del classe 2000, attualmente di proprietà del Borussia Dortmund, Erling Haaland. Il contratto del norvegese con i tedeschi scadrebbe il 30 giugno del 2024 ma, secondo le ultime indiscrezioni, potrebbe lasciare il club già nel 2022.

Su di lui c’è comunque una clausola rescissoria pari a 75 milioni di euro. Haaland, inoltre, non è un sogno solo bianconero, dal momento che sono interessati a lui anche Real Madrid e Chelsea. I Blues vorrebbero anzi portarlo in squadra già da questa estate e sarebbero disposti a offrire 150 milioni di euro per il giovanissimo bomber. La concorrenza sarà senza dubbio sfrenata.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Haaland salta il portiere
Erling Haaland (Getty Images)

I numeri di Haaland fanno sognare la Juve.

L’era dell’Allegri-bis è ufficialmente cominciata. L’obiettivo è quello di tornare a non lasciare scampo agli avversari. Attualmente, sembrerebbe che Cristiano Ronaldo non abbia intenzione di lasciare il club e che dunque continuerà almeno per un’altra stagione con i bianconeri. Dal canto suo, però, la Juve inizia a pensare già in ottica futura e punta al meglio del meglio per il proprio attacco.

LEGGI ANCHE >>> Milan, i tifosi ‘si disperano’: il dettaglio su Giroud non passa inosservato

Erling Haaland, in Bundesliga, ha giocato in totale 43 partite segnando addirittura 40 gol e realizzando 11 assist. Si è sempre dimostrato affamato di gol. Davanti alla porta diventa davvero complicato fermarlo e impedirgli di calciare e di segnare. Qualità che ricordano molto Cristiano Ronaldo e che fanno perciò sognare la Juventus. Il club spera quindi in suo un futuro e possibile suo approdo a Torino.