Mancini ricompare sui social: “Non tutti sapevano cosa accadeva”

Mancini con il trofeo di EURO 2020
Roberto Mancini, Italia (Getty Images)

Roberto Mancini scrive un messaggio su Twitter a una settimana dalla vittoria di EURO 2020, ringraziando il gruppo e lo staff. 

La Nazionale italiana di Roberto Mancini già porta con sé il marchio della storia. La vittoria degli Europei in finale contro l’Inghilterra ha messo la ciliegina sulla torta a un percorso che è ancora a metà: la sua completa realizzazione la si avrà con l’avventura che gli azzurri vivranno ai Mondiali di Qatar del 2022. Secondo il Ct la squadra è tra le candidate alla vittoria del trofeo internazionale. Non solamente per quanto fatto vedere in campo o per la sua tradizione, ma anche per la grande forza corale che ha costruito.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

EURO 2020, il commento di Mancini su Twitter una settimana dopo la vittoria

Euro 2020 è stato accompagnato televisivamente dal documentario della ‘RAI’ in più puntato, culminato con “Sogno Azzurro”, ovvero le riprese finali di tutto il percorso della squadra, che hanno trasmesso al pubblico le sensazioni e le passioni dei singoli calciatori coinvolti.

LEGGI ANCHE >>> Messi, annuncio a sorpresa: stavolta la chiusura è totale

A una settimana esatta dalla vittoria della kermesse continentale, Roberto Mancini ha scritto un commento su Twitter riguardo il docu-film andato in onda pochi giorni fa: “Proprio 7 giorni fa a quest’ora stavamo per cominciare una grande sfida, l’ultima di Euro 2020, la finale contro l’Inghilterra. Come è andata a finire lo sappiamo tutti. Quello che non tutti conoscevano invece era il dietro le quinte”, ha esordito così sui social il tecnico, proseguendo: “Come avrete intuito, gran parte della forza di questo gruppo non era data solo dal talento, ma anche dall’umanità, dalla leggerezza e dalla fiducia. Un gruppo meraviglioso. Ragazzi capaci di sorridere e arrivare con gioia ad un momento carico di tensione come i rigori. Abbiamo dimostrato che si può essere grandi professionisti senza dimenticarsi di essere umani. Per questa prima avventura finita nel migliore dei modi, non mi resta che scrivere un grande grazie a tutti: tifosi, calciatori, staff, amici”. La sensazione è che la strada del successo sia stata appena intrapresa.