“Non ascoltare le pecore”: Immobile, la doppia frecciata dai compagni

Immobile Italia
Ciro Immobile (Getty Images)

Ciro Immobile è, ormai da tempo, nel mirino delle critiche: l’attaccante viene accusato di non segnare i gol che servono all’Italia.

Ciro Immobile ormai non riesce a uscire dal vortice di critiche in cui è finito dai tempi degli Euro2020. In molti sono andati infatti contro la sua capacità di segnare. L’attaccante quando veste la maglia del suo club di appartenenza, la Lazio, sembra non lasciare scampo agli avversari sotto porta. Eppure con la maglia dell’Italia questo incantesimo sembra infrangersi. I suoi compagni di squadra, però, gli hanno fatto sentire la loro vicinanza tramite i social.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Immobile
Solidarietà dimostrata da Luis Alberto e Francesco Acerbi sui profili ufficiali Instagram

Immobile duramente criticato: Acerbi e Luis Alberto lo difendono

Sono passate sette partite, in totale, da quando Immobile ha segnato il suo ultimo gol con la maglia della Nazionale Italiana. È stato criticato perciò da molti, semplici tifosi ma non solo. La critica più aspra è arrivata solo qualche giorno fa da Antonio Cassano quando, alla ‘Bobo Tv’, ha dichiarato che il centravanti “Non sa giocare a calcio”. Sono, però, al tempo stesso arrivati anche commenti di difesa, in primis da Roberto Mancini nell’ultima conferenza stampa tenuta in vista della partita contro la Lituania che ci sarà questa sera.

LEGGI ANCHE >>> Cassano attacca anche la Nazionale: “Non sa giocare a calcio”

In sua difesa sono andati anche i suoi compagni di squadra, ovvero Francesco Acerbi e Luis Alberto. Sui propri profili ufficiali di Instagram i due hanno infatti mandato dei messaggi ben precisi agli haters del centravanti. Lo spagnolo ha lasciato, su una foto che ritrae la maglia di Immobile, le parole: “Caro amico, come ti invidiano“. Mentre, Acerbi ha accompagnato, ad una foto in cui abbraccia il suo amico e compagno di squadra, il commento: “Un leone non si preoccupa del parere delle pecore“.