“Messi non fa queste cose”: Neymar e famiglia sbottano contro i giornalisti

Neymar Brasile
Neymar (Getty Images)

Nel match Brasile-Perù, Neymar ha dimostrato le sue qualità ma sono arrivate delle critiche: la famiglia non ci sta.

Neymar ha fatto vedere di cosa è capace nel match che questa notte, alle 02:30, ora italiana, il Brasile ha disputato contro il Perù. I padroni di casa hanno vinto 2-0, guadagnando tre punti molto importanti per la qualificazione ai Mondiali 2022.

Neymar ha servito l’assist per il primo gol, segnato al 15′ da Ribeiro, e ha anche realizzato un suo personalissimo gol al 40′. Nonostante tutto ciò, però non sono mancate le critiche nei suoi confronti. Critiche a cui lui e la sua famiglia non sono rimasti indifferenti.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Neymar Brasile
Neymar (Getty Images)

Neymar risponde alle critiche ricevute dopo Brasile-Perù

Neymar, questa volta, non è rimasto indifferente e ha risposto alle critiche ricevute. Ha, infatti, nel post partita dichiarato: “Sono molto felice, molto felice ovviamente dell’aiuto dei miei compagni di squadra. Ma non so cos’altro devo fare con questa maglia per convincere la gente a iniziare a rispettarmi. Siete voi, giornalisti, commentatori e altri, che decidete. A volte non mi piace nemmeno rilasciare interviste, ma nei momenti importanti vengo comunque a dare la mia opinione”.

LEGGI ANCHE >>> Navas torna dall’America, ma Pochettino non si scompone: “Donnarumma titolare? Vi spiego”

La risposta del giornalista di ‘TV Globo’, Galvão Bueno, non ha aiutato a tranquillizzare la situazione, anzi l’ha peggiorata: “Calmati, Neymar, calmati. Non vediamo Messi fare queste cose. Neymar manca ancora di compostezza, eppure Messi prende tanti colpi proibiti quanti ne prende lui”.

LEGGI ANCHE >>> Milan in ansia per Giroud: ecco finalmente l’esito del tampone

Proprio queste parole hanno scatenato la reazione della sorella del giocatore, che su Instagram ha scritto: “Galvão smettila di voler continuare a confrontare Neymar e Messi. Smettila. Non sei tu che senti il dolore dopo la partita“.