“Risposte vere”: Donnarumma lancia un messaggio chiaro

Donnarumma
Donnarumma (Getty Images)

Per la seconda volta Donnarumma è stato schierato dal primo minuto da Pochettino: il portiere titolare in Psg-Lione

Riecco Donnarumma tra i pali, titolare anche in un big match. Pochettino lo ha mandato in campo dal primo minuto nella sfida che il Psg ha disputato (e vinto) contro il Lione. Un successo al fotofinish per la squadra parigina che ringrazia Icardi per il gol in pieno recupero e fa i conti con l’insofferenza di Messi che ha dimostrato di aver gradito poco la sostituzione. Un segnale di un gruppo che ancora deve trovare la chimica giusta, come peraltro dimostrato in Champions League.

Una squadra costruita senza badare a spese ma che ora deve dimostrare di essere coesa con Pochettino chiamato a tenere a bada i tanti (troppi?) talenti a sua disposizione. Tra le rivalità da tenere sotto controllo c’è anche quella tra Donnarumma appunto e Navas. Finora l’ex Real Madrid era stato il prescelto, con l’eccezione della gara contro il Clermont quando, complice il viaggio intercontinentale, Pochettino gli aveva preferito l’ex Milan.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Donnarumma
Donnarumma (Getty Images)

Le pagelle di Donnarumma: “Autoritario e rassicurante”

Donnarumma ha avuto di nuovo un’occasione ieri sera contro il Lione e l’ha sfruttata. Le pagelle variano dal 6 al 5 ( c’è da dire che in Francia i quotidiani sono di manica stretta) con ‘Le Parisien’ che giudica in maniera molto positiva la prova dell’estremo difensore.

LEGGI ANCHE >>> “Rispettate Keylor”: Donnarumma, arriva anche il commento di Buffon

Il 5,5 per il portiere ex Milan è motivato da un giudizio in cui si legge: “Si mostra autoritario e rassicurante per la sua difesa”. Incolpevole per il gol di Paqueta (“Può rimpiangere la mancata vigilanza della sua difesa), Donnarumma ha comunque “fornito risposte vere”. Insomma, un messaggio chiaro che arriva dall’estremo difensore campione d’Europa: la maglia da titolare vuole prendersela e non cederla più.