DAZN in down, novità in vista: oggi può esserci la svolta

Diletta Leotta preoccupazione dazn preoccupa
Diletta Leotta (Getty Images)

DAZN ancora in down e il Parlamento vuole vederci chiaro: a breve un incontro informale con i rappresentanti della piattaforma

Ancora una giornata da incubo per DAZN e i suoi utenti. Centinaia di migliaia di tifosi, ieri, sono rimasti all’oscuro durante i match Sampdoria-Napoli e Torino-Lazio, con lo stesso colosso dello streaming costretto all’ennesimo mea culpa, il terzo da inizio campionato.

Un blackout che è stato come benzina sul fuoco per lo status e per la reputazione (sempre più compromessa) del broadcaster internazionale. Soprattutto dopo che il Parlamento italiano e la sua commissione alle Telecomunicazioni hanno chiesto numi all’AgCom, sollecitata anche dalla Lega Serie A e dai presidenti del nostro calcio.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Diletta Leotta in conduzione a DAZN
Diletta Leotta (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> “Agnelli e Allegri potrebbero sentirsi male”: la mossa di ADL ha spiazzato la Juve

Oggi l’incontro tra i rappresentanti di DAZN e del Parlamento

Nonostante ieri il Parlamento avesse chiesto formalmente a DAZN una maggiore trasparenza e una maggiore qualità del servizio, oggi le parti saranno costrette ad incontrarsi nuovamente. Come raccolto dalla redazione di SerieAnews.com, è in programma per orario di pranzo un meeting informale tra i rappresentanti della piattaforma streaming e alcuni esponenti della politica italiana, impegnati nella questione sin dalle prime battute. A Montecitorio vogliono vederci chiaro: chi cura gli interessi di DAZN proverà a dare una spiegazione sul blackout di ieri e a ribadire le garanzie fornite negli ultimi appuntamenti.

Dopotutto, in Italia, il calcio è un business miliardario che porta con sé voti e danaro. E un disservizio così vasto e diffuso, rischia di riverberarsi anche sul sistema socio-politico del nostro Paese. Dopo aver condotto la questione DAZN in Parlamento, quest’ultimo si attendeva netti miglioramenti già da questo turno infrasettimanale. E invece, rischia di esserne la goccia che fa traboccare il vaso.