“Quindi si può giocare con un bastone”: le polemiche dopo il caso Destro

Destro esulta contro il Verona
Mattia Destro (Getty Images)

Destro segna con un oggetto ‘esterno’ tra la mani e sui social scoppia la polemica: “Quindi si può giocare anche con un bastone?”

In un 3-3 tanto inaspettato, quanto al cardiopalma, a far discutere non è solo la tenuta difensiva di Genoa e Verona. In primo piano, resta l’incredibile episodio che ha visto Mattia Destro come protagonista, al momento del temporaneo 3-2 rossoblù, e che ha scatenato le forti proteste della panchina scaligera, arrabbiata e incredula nei confronti dell’arbitro Doveri.

Per chi se lo fosse perso, facciamo un piccolo riassunto delle puntate precedenti: Mattia Destro ha segnato il 3-2 del Genoa con una bottiglietta tra le mani. Sì, proprio così. L’ex Roma era stato colto dai crampi ed era impegnato a bere, prima del subitaneo contropiede del Grifone e dell’azione che lo ha portato a superare il gialloblù Montipò, per la terza volta stasera.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

LEGGI ANCHE >>> “Ci stavo malissimo”, ma stavolta non c’entra Spalletti: la rivelazione di Totti

Destro segna con una bottiglietta tra le mani: la risposta dell’ex arbitro Marelli

L’episodio ha immediatamente suscitato la curiosità polemica di molti tifosi. E sui social, anche chi ha impugnato cartellini e fischietto per una vita, ha provato a dare una mano nello svelare l’arcano. Attraverso il proprio account Twitter, l’ex arbitro Marelli ha risposto alle tante domande ricevute sul caso Destro ed ha spiegato come, nel regolamento, non esista nulla che vieti ad un calciatore di segnare con un oggetto tra le mani.

Un “No, niente” che sottolinea il generale sbigottimento per l’episodio, mai visto e testimoniato in un campo di calcio. Almeno ai livelli e ai prosceni della Serie A. Di qui, le domande dei tifosi si fanno tanto ironiche quanto legittime: “Allora si può giocare anche con un bastone?”. All’IFAB la necessità di individuare una pronta ed incredibile risposta.