Rischio esonero, Mihajlovic ha le idee chiare: il messaggio ai tifosi

Mihajlovic del Bologna in panchina
Sinisa Mihajlovic (Getty Images)

Mihajlovic a rischio esonero dopo gli ultimi risultati deludenti ottenuti dal Bologna: contro la Lazio servirà una vittoria.

Dentro o fuori. Per Sinisa Mihajlovic quella di domenica contro la Lazio è una gara da non sbagliare. Il tecnico, dopo le ultime prestazioni non all’altezza della squadra, è infatti a rischio esonero e nel caso in cui dovesse arrivare un ulteriore risultato negativo il club è pronto a voltare pagina. Un provvedimento doloroso, ma necessario considerando il rendimento attuale dei rossoblù.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Mihajlovic saluta i giocatori del Bologna
Sinisa Mihajlovic con i giocatori del Bologna (Getty Images)

Bologna, Mihajlovic a rischio esonero: decisiva la gara con la Lazio

Il Bologna, dopo 6 turni di campionato, è a quota 8 punti (a più 4 dal terzultimo posto) e non vince dal 13 settembre. Poi solo delusioni: la pesante sconfitta in casa dell’Inter, il pareggio in rimonta con il Genoa ed un altro ko subito per mano dell’Empoli. La società ha quindi chiesto all’allenatore un’immediata inversione di tendenza iniziando, al tempo stesso, a vagliare una serie di possibili sostituti: in pole position, stando alle indiscrezioni fin qui circolate, c’è Claudio Ranieri.

LEGGI ANCHE >>> Crollo Bologna, Mihajlovic si sfoga: “Cosi non andiamo da nessuna parte”

Dell’argomento oggi ha parlato lo stesso Mihajlovic in conferenza stampa, confermando le tensioni con la proprietà. “Quando la squadra perde è sempre colpa mia, vale anche per domani. Al pubblico chiedo di non fischiare i giocatori, a fine partita se le cose saranno andate male che fischino me, sono io che li metto in campo. Con il presidente Saputo ho parlato di ciò con cui sto parlando con voi oggi, era tranquillo anche se chiaramente deluso e arrabbiato come tutti noi. Sappiamo che si poteva fare meglio, ma attraverso i risultati e stando sereni possiamo dimostrare che avevamo ragione”.