“Voleva capire se ero in me”: il commovente retroscena della madre di Mancini dopo la finale

Mancini sorride Italia
Roberto Mancini (Getty Images)

La madre di Roberto Mancini ha parlato della gioia per la vittoria raggiunta dall’Italia in finale a Wembley contro l’Inghilterra.

La madre di Roberto Mancini, Marianna Puolo, ha parlato ai microfoni di ‘Rai Radio 1’ dell’esperienza che suo figlio, il ct della Nazionale Italiana, ha vissuto e sta tutt’ora vivendo con il suo gruppo degli azzurri. È stato un sogno vincere a Wembley contro l’Inghilterra, anche se adesso il nuovo obiettivo è diventato quello della Nations League.

Domani sera, mercoledì 6 settembre, l’Italia affronterà la Spagna a San Siro per la prima semifinale della competizione. Dopo la vittoria contro la Lituania e i pareggi contro Bulgaria e Svizzera, la squadra di Mancini è chiamata ancora una volta a fare sul serio. Ecco le parole della madre dell’allenatore azzurro in merito.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Mancini osserva Italia
Roberto Mancini (Getty Images)

Le parole della madre di Mancini: le nuove sfide che attendono l’Italia e il ricordo della finale di Euro2020

La madre dell’allenatore della Nazionale ha così parlato, a ‘Rai Radio 1′, della prossima sfida che l’Italia deve affrontare: “Roberto è tranquillo e dà tranquillità a tutti, ragiona con la sua testa ed è veramente in gamba. Vedo l’Italia in questa competizione molto bene, ma non voglio dire altro perché sono scaramantica. Comunque mio figlio è uno che non vuole perdere nemmeno le amichevoli, quindi…”

LEGGI ANCHE >>> “È accaduto in giardino”: l’inaspettato retroscena su CR7 tra Juve e United

La signora Puolo ha poi riferito come in famiglia è stata vissuta la vittoria degli Euro2020, anche perché durante l’estate lei stessa si è dovuta sottoporre a un’operazione chirurgica: “Dopo la vittoria mi sono svegliata con un problema e non sono stata bene. Ora, per fortuna, invece sto meglio. Non è stato uno scherzo. È stata un’estate di alti e bassi, tra vittorie calcistiche e questo problema. E vi racconto un particolare. Il giorno che ero andata in sala operatoria, mio figlio Roberto mi ha guardata e mi ha detto: ‘Mamma, hai capito che abbiamo vinto gli Europei sì o no? Te lo ricordi?’ Voleva capire se stavo bene ed ero in me. Ma io mi ricordavo tutto