Lewandowski non ha alcun dubbio: ecco chi merita il Pallone d’Oro per lui

Lewandowski esulta dopo un gol
Robert Lewandowski, Bayern Monaco (Getty Images)

Dopo la pubblicazione della lista dei candidati al Pallone d’Oro 2021, le parole di Lewandowski, che non si nasconde e dice apertamente la sua sul più meritevole.

Robert Lewandowski, attaccante da sette stagioni al Bayern Monaco e capitano della Polonia, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano ‘MARCA’, in occasione della quale ha parlato a 360° della sua carriera e anche della candidatura al Pallone d’Oro.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Bayern Monaco, le parole di Lewandowski sul Pallone d’Oro

Lewandowski esulta
Robert Lewandowski, Bayern Monaco (Getty Images)

Secondo il centravanti, ha tutto per vincere l’ambito riconoscimento personale e i numeri lo dimostrano più dei commenti e dei pareri sul suo talento: “Tutti hanno visto cosa ho fatto e cosa continuo a fare. I miei successi possono rispondere. Gli ultimi due anni sono stati un successo per me, ma non solo: lo sarebbero stati per qualsiasi calciatore della storia. La possibilità di vincerlo mi rende orgoglioso. Ho vinto molti titoli e segnati tanti gol. Significherebbe molto per me vincerlo: vincere la Champions League, la Supercoppa, il Mondiale per Club, ho battuto il record di Gerd Müller di 41 gol in Bundesliga, è stato qualcosa di impressionante”.

LEGGI ANCHE >>> Pallone d’Oro, improvvisa protesta di Koulibaly: l’attacco alla giuria

Nel corso dell’intervista Lewandowski ha parlato anche di Pep Guardiola, che ha incontrato come allenatore in occasione dell’approdo al Bayern Monaco, dopo aver concluso l’esperienza al Borussia Dortmund: “Mi ha insegnato a vedere il calcio da un altro punto di vista. Dopo l’esperienza con Guardiola, penso al calcio in modo diverso. Noto chi sbaglia, chi avrebbe potuto fare meglio e come puoi fare un passo in avanti rispetto tuo rivale. Mi ha spiegato molto la parte tattica, mi ha detto: ‘Non posso aiutarti a essere un attaccante migliore, perché sei molto bravo, ma posso aiutare la tua squadra a portare la palla in area e lì sai bene cosa devi fare e come devi farlo'”.