“Agnelli ha fatto un grande errore”, la stilettata dell’ex Juventus

Agnelli riflette
Andrea Agnelli (Getty Images)

Boniek torna a parlare della decisione presa dalla Juventus di negargli la stella allo Stadium. Duro attacco verso Agnelli.

Prima assegnata, poi tolta sulla base di alcune pressioni ricevute. Continua a far discutere la decisione adottata in passato dalla Juventus di rimuovere, dall’attuale Allianz Stadium, la stella dedicata a Zbigniew Boniek. Inserito tra i cinquanta campioni del passato più meritevoli del riconoscimento, il polacco in seguito è finito nel mirino dei tifosi a causa della sua fede romanista e di alcune dichiarazioni contro la società. Motivi che hanno spinto il club a fare marcia indietro e a negargli il riconoscimento.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Boniek riflette
Zbigniew Boniek (Getty Images)

Juventus, nuovo attacco di Boniek ad Agnelli

Un comportamento che ha deluso Boniek, presidente della Federazione calcistica polacca e autore di 31 gol in 132 apparizioni in maglia bianconera. L’occasione per tornare a parlare dell’argomento è arrivata oggi, nel corso di un’intervista concessa al ‘Il Messaggero’: “È stata una mossa del presidente Andrea Agnelli per venire incontro a quella frangia di tifosi che gli creava problemi”.

LEGGI ANCHE >>> 65 milioni dalle cessioni: super cassa della Juventus a gennaio

Da qui l’amarezza per quanto accaduto. “Io non ho mai offeso nessuno al di là di sostenere che una società importante come quella bianconera non aveva bisogno di dirigenti che l’aiutassero a vincere le partite fuori dal campo. Arriverà un giorno che Agnelli capirà che ha commesso un grande errore”. Boniek ha poi parlato della sfida che vedrà la Juventus affrontare domenica sera la Roma. “Allegri e Mourinho sono entrambi bravissimi, ma ho un debole per Mourinho”.