Lotito piazza il ‘colpo’ da trenta milioni per la Lazio: i dettagli

Immobile lascia il campo
Ciro Immobile (Getty Images)

La Lazio porta a casa 30 milioni in tre anni con il nuovo main sponsor: Binance, piattaforma di scambio di criptovalute e asset digitali nata nel 2017.

Il meccanismo dei fan token continua ad essere una nuova frontiera economica per i club della serie A. L’Inter e la Roma rispettivamente con Socios e Digitalbits hanno aperto questo mondo, adesso è pronta la Lazio ad irrompere in questo settore.

La Lazio dovrebbe incassare 30 milioni in tre anni, 7 di base fissa a stagione più i bonus facili per arrivare in “doppia cifra”.

Secondo quanto racconta l’edizione odierna de “Il Corriere dello Sport”, la trattativa andava avanti dal mese di giugno in gran segreto.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

La Lazio sconsolata a Bologna per il gol subito
Bologna-Lazio (Getty Images)

I “fan token” potrebbero regalare un difensore a gennaio alla Lazio di Sarri

La sinergia tra Lazio e Binance non verterà sulle criptovalute e sugli strumenti finanziari ma il “core business” è rappresentato dai fan token. Essi consentono ai tifosi d’accedere a determinati beni e servizi offerti dalle squadre.

La Lazio consentirà di ottenere sconti, offerte riservate, accessi prioritari ai biglietti ma anche d’aumentare l’interazione attraverso i social.

Il club biancoceleste ha aperto anche una versione cinese del sito ufficiale per sfruttare il bacino d’utenza creatosi con le finali di Supercoppa Italiana giocate a Pechino nel 2009 e a Shanghai nel 2015.

Il nuovo sponsor debutterà sabato, con la gara interna contro l’Inter in programma alle 18 allo stadio Olimpico in cui tornerà Simone Inzaghi dopo lo strappo di quest’estate.

LEGGI ANCHE >>> Lazio-Inter, Inzaghi è nei guai: si è fatto male un altro big

La partnership con Binance porta soldi in cassa per il prossimo bilancio, mette l’indice di liquidità in sicurezza e potrebbe consentire a Lotito e Tare di regalare a Sarri un innesto a gennaio.

In estate è stato deciso di cedere Vavro, la Lazio vorrebbe mandarlo all’estero per non perdere gli effetti del Decreto Crescita che termineranno il 31 dicembre. Sarri vorrebbe un rinforzo, un’alternativa di rendimento e prospettiva in un reparto in cui ci sono Acerbi, Luiz Felipe, Radu e Patric.