Mondiali ogni due anni, non solo l’UEFA contro la FIFA: “Non parteciperemo”

Infantino della Uefa osserva
Gianni Infantino (Getty Images)

La Conmebol si scaglia contro l’idea, portata avanti dal presidente della FIFA Infantino, di organizzare il Mondiale ogni due anni.

La FIFA non intende arretrare sul progetto riguardante l’organizzazione del Mondiale ogni due anni. Il 20 dicembre, come annunciato dal presidente Gianni Infantino, avrà luogo il summit decisivo per valutare i pro (tanti secondo lui) e i contro della proposta. “Quando si è deciso si farlo ogni quattro anni c’erano 40 nazionali, ora sono 211. Si parla di una proposta per un Mondiale tra sole cinque nazioni, ma se si parla di fare un Mondiale ogni anno, tra uomini e donne, in 20 anni ci sono 100 Paesi che avranno la possibilità di organizzarlo” le sue recenti parole.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Brasile festeggia
Il Brasile festeggia (Getty Images)

Fifa, la Conmebol boccia il progetto del Mondiale ogni due anni

Il progetto, in ogni caso, continua a non raccogliere consensi. Dopo le critiche del Cio (“creerebbe scontro con altri sport”) e della Uefa, oggi ad opporsi è stata la Conmebol. “Non ci sono ragioni, vantaggi o giustificazioni per il cambiamento promosso dalla FIFA”. In considerazione di ciò, i dieci paesi che compongono l’Ente “confermano che non parteciperanno a un Mondiale organizzato ogni due anni”. Il motivo è presto detto. 

LEGGI ANCHE >>> Infantino ha annunciato il giorno che cambierà la storia del calcio

“Il progetto in questione volta le spalle a quasi 100 anni di tradizione calcistica mondiale, ignorando la storia di uno degli eventi sportivi più importanti del pianeta. Conmbebol sostiene la Coppa del Mondo attualmente in vigore, con i suoi termini e sistemi di classificazione, perché ha dimostrato di essere un modello di successo, basato sull’eccellenza sportiva e che premia lo sforzo, il talento e il lavoro pianificato”. Se Infantino vuole davvero dare vita ad un Mondiale biennale, dovrà farlo quindi senza (tra gli altri) Brasile ed Argentina.