Calciomercato Lazio, Sarri spiazza: gesto estremo per il top

Il tecnico della Lazio Maurizio Sarri ha chiesto un piccolo sacrificio di mercato alla dirigenza per mettere in pratica la sua idea di gioco

La Lazio tornerà in campo questo pomeriggio alle 18 a Salerno per riscattare la sconfitta contro l’Inter di domenica scorsa. I biancocelesti hanno tenuto a lungo testa alla squadra dell’ex Simone Inzaghi ma si sono dovuti arrendere al gol di Milan Skriniar.

Maurizio Sarri pensieroso
Sarri (La Presse)

Maurizio Sarri contro la Salernitana cercherà la prima vittoria del nuovo anno solare. Nel 2022 infatti è arrivato un pareggio contro l’Empoli prima del ko contro i nerazzurri. I biancocelesti hanno bisogno di una vittoria per rilanciarsi in chiave europea. Il tecnico si affiderà a Luis Alberto.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Luis Alberto frustrato
Luis Alberto (Getty Images)

Lazio, Sarri vuole subito Vecino ed è disposto a sacrificare Luis Alberto

Il numero dieci spagnolo tuttavia non è mai entrato pienamente nel cuore di Maurizio Sarri. L’emergenza convincerà il tecnico a sfruttare le sue magie per battere la Salernitana. Secondo ‘Il Messaggero’ però l’allenatore campano sarebbe disposto a sacrificarlo subito per arrivare a un suo pupillo di lunga data.

Il tecnico ha chiesto espressamente alla dirigenza biancoceleste Matias Vecino. Il centrocampista è in scadenza e sta trovando poco spazio all’Inter. Sarri, da quanto riferisce il quotidiano romano, avrebbe chiesto a Lotito un sacrificio pagando ai nerazzurri due milioni di euro d’indennizzo per riceverlo immediatamente. Il calciatore nerazzurro nelle idee dell’allenatore laziale si adatterebbe meglio al suo gioco e dunque vorrebbe averlo a disposizione il prima possibile.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Cagliari, Mazzarri spiazzato: scambio col top

Proprio l’Inter, club allenato da Simone Inzaghi, è stata una delle formazioni che nel recente passato ha cercato Luis Alberto. Vecino nel frattempo potrebbe raggiungere a prescindere il mentore avuto quando giocava nell’Empoli all’alba della sua carriera.